Want to make creations as awesome as this one?

Transcript

Il Surrealismo

Thanks

Video

11

10

Apparizione di un volto e di una fruttiera sulla spiaggia

Dove si sviluppò il Surrealismo

Curiosità sul Surrealismo

Max Ernst

Joan Mirò

L'uomo e la notte

Renè Magritte

Salvador Dalì

Storia del Surrealismo

Indice

Write your section here

Write your section here

Il fulcro dell'arte surrealista è Parigi, città in cui, a partire dal 1920, il grande fermento d'idee e di artisti portò a un'evoluzione del già noto movimento dadaista.

info

Nato nel 1898, rappresenta le cose con assoluta precisione, quasi in modo fotografico.Personaggi e oggetti sono però "spaesati", accostati in combinazioni illogiche, sconvolgendo la normalità regalando un senso di assoluto mistero.

Renè Magritte

info

tra cui Un Chien Andalou dove una scena fortemente surrealista riprende una lama di rasoio che taglia un occhio.

Salvador Dalì inventa paesaggi desertici, oggetti "molli" che creano visioni di sogno.Collabora alle scene di vari film

Salvador Dalì

Joan Mirò ha sempre mantenuto una posizione autonoma, basata sulla libertà di immaginazione.Nelle sue opere parte sempre dalla realtà m con la fantasia le trasforma in immagini astratte.Per la sua giocosità fantastica è uno dei pittori più amati del '900.

Joan Mirò

Lorem Ipsum

Max Ernst

Porta nelle sue opere i suoi sogni e le sue visioni, lasciando emergere dall'inconscio immaggini e abbinamenti più incredibili.Nella sua pittura ha sperimentato varie tecniche in modo sorprendente: il frottage, il grattage e la decalcomania.Il frottage consiste nello strofinare pastello colorato su un foglio di arta appoggito in rilievo, in seguito incidere dei segni lineari.Con il grattage il colore viene steso sulla tela posata su una suprficie dura e poi raschiato con una spatola.La decalcomania consiste nel trasferire immagini da un foglio di supporto ad un'altra superficie, pressando e sfregando con uno strumento.Il

L'Uomo e la Notte

In questo dipinto René Magritte rappresenta un uomo con un cappello a bombetta. Il fondo è buio. La figura dell’ uomo è illuminata dalla luna. All’ interno della sagoma vi è la rappresentazione del cielo, di un paesaggio e di una casa illuminata. Il rapporto figura-sfondo è invertito in modo surreale. La scena è simmetrica. I colori sono freddi ad eccezione del giallo della casa illuminata e qualche sfumatura di marrone.

Write a title here

Al centro il pittore raffigura un viso che si trasforma in una fruttiera, che a sua volta è parte del cane che riempie il resto della tela. La testa del cane si sdoppia dal paesaggio di montagne, il suo occhio è un tunnel attraverso le rocce; mentre un ponte sorretto da tre archi forma il collare del cane. La frutta della ciotola può anche essere vista come i capelli ricci della testa della donna e come una parte del dorso del cane. La bocca della donna e la punta del naso non solo formano la base della ciotola, ma anche un corpo femminile vestito, seduto sulla spiaggia e con la schiena rivolta verso colui che osserva il dipinto.

VS

Dalì

Ai tempi dell'ascesa di Hitler, gli artisti più surrealisti volevano distaccarsi da tutto ciò che avesse a che fare con Hitler o con il fascismo. Dalí, al contrario, era affascinato da Hitler. Nel1939 realizzò un dipinto chiamato L’enigma di Hitler. I suoi amici surrealisti lo accusarono di glorificare il dittatore. Tuttavia, Dalí negò di essere un simpatizzante del nazismo.

Mirò

Miró sin da giovanissimo era appassionato di disegno e pittura ma, su consiglio del padre, intraprese studi economici. Iniziò a lavorare come contabile in una drogheria ma, in seguito a un esaurimento nervoso, decise di seguire la sua vocazione, dedicandosi a tempo pieno all’arte.

Vídeo

Thanks!