Want to make creations as awesome as this one?

Transcript

La serra aeroponica

La coltivazione delle fragole

La coltivazione dello zafferano

La coltivazione della bieta da costa colorata

La piantumazione

Geolocalizzazione Presso l'I.S.S. "G. Salerno" di Gangi si trova l’innovativa serra aeroponica, l’unica di questo tipo presente sul territorio siciliano e tra le prime commercializzate al mondo. Si tratta di una serra che permette la coltivazione delle piante senza l’utilizzo di terra o di aggregati di supporto, ma la sua innovazione è proprio nel design rivoluzionario e nella capacità di sfruttare la fotoluminescenza. Il suo ideatore, l’architetto Stefano Chiocchini, fondatore di Serranova, ha scoperto quasi per caso la tecnologia che poi ha migliorato, brevettato e integrato nelle sue speciali serre. Chiocchini, proprio per questo progetto si è aggiudicato il Compasso D’Oro Adi, istituito dall’Associazione per il Disegno Industriale, il più antico riconoscimento nell’ambito del design a livello mondiale. Chiocchini, scoprendo la proprietà della luminescenza indotta dalle terre rare in associazione alla coltivazione delle piante ha sviluppato una tecnologia altamente innovativa e soprattutto sostenibile.

Vantaggi della coltivazione in serra:

  • Controllo ambientale: in serra è possibile controllare con precisione vari parametri ambientali come temperatura, umidità, luce e ventilazione.
  • Protezione dalle intemperie e dalle malattie: la struttura della serra fornisce una protezione fisica alle piante, riducendo l'esposizione a agenti atmosferici dannosi come pioggia, vento, grandine e gelo
  • Utilizzo efficiente delle risorse idriche: in serra è possibile implementare sistemi di irrigazione a goccia o a nebulizzazione che consentono di ridurre il consumo di acqua rispetto alla coltivazione all'aperto
  • Miglior resa e qualità: grazie al controllo accurato delle condizioni ambientali, è possibile ottenere una crescita più rapida e uniforme delle piante

La particolarità di questa serra aeroponica, rispetto alle altre serre in assenza di terreno è proprio la capacità di risparmiare acqua, per un chilo di prodotto serve meno di un litro di acqua, quando per lo stesso prodotto a terra sarebbero necessari dai 400 ai 600 litri di acqua. La fotoluminescenza sfrutta i raggi solari durante il giorno, mentre la notte la serra, interamente in alluminio, è servita da led tarati sulle frequenze della luce solare. All’interno contiene vassoi che possono accogliere il seme o la piantina, che lasciate libere su lava di roccia possono crescere liberamente. I costi di gestione della serra sono anch’essi sostenibili.

Le coltivazioni

Parlano di noi...

La costruzione