Want to make creations as awesome as this one?

Transcript

1' anno 2023/24

  • Razzano Alessandra
  • Piscitelli vincenza Chiara
  • Amoddio Maria

AmpliaMente

Marketing
  • AMBIENTE ESTERNO

ANALISI

I principali trend di scenario che portano alla formazione della strategia 22/24 sono:pandemia clima e ambiente instabilità economica varie riforme e impatto sul turismo.Per quel che riguarda la pandemia vediamo che dai dati analizzati emerge quanto in maniera negativa abbia impattato la pandemia sul territorio e sul turismo del Trentino. Il settore turistico nel corso del 2021 è stato condizionato fortemente dalle limitazioni emesse dal governo per contenere l’avanzata del covid, soprattutto i mesi invernali, da gennaio a giugno, nei quali gli spostamenti erano limitati, queste restrizioni poi si sono via via allentate dalla fine di giugno. Il confronto con il 2020 presenta in generale valori in crescita sia per gli arrivi che per le presenze, è stato poi nel 2021 che si è registrato un andamento negativo da gennaio a marzo, questo andamento negativo ha influenzato soprattutto gli ambiti sciistici. Una valutazione ancora più significativa si ottiene confrontando i dati del 2019 con il 2021, da qui emerge un calo del 34,2% degli arrivi e un calo del 31,2% delle presenze, in generale si è registrato un calo dei pernottamenti di circa il 50%.

A rendere ancor di più necessaria la presenza di una strategia è stato il calo del PIL nel 2020, in seguito a quest’anno il Trentino ha saputo reagire in maniera molto positiva con il recupero dei livelli produttivi, ciò, ha permesso all’economia del Trentino di crescere in maniera più incisiva. A livello ambientale, la tempesta di VAIA, nel 2018, ha causato la caduta di circa 4 milioni di metri cubi di alberi, provocando danni ai boschi. Dato il forte impegno per la tutela dell’ambiente si mira a ricostruire il patrimonio boschivo che rappresenta circa il 60% del territorio provinciale. Cambiamento climatico, variazione dei flussi turistici nel post-pandemia e viaggiatori con sempre maggiori esigenze, sono problemi con cui ci si deve interfacciare giorno per giorno, proprio per questo nel 2020 è stata pubblicata la Legge sulla promozione turistica provinciale, questa legge genera impatto organizzativo in quanto la struttura provinciale competente in materia dovrà predisporre apposito regolamento nel quale dovrà individuare le modalità di gestione attribuite alle società a cui è affidata la promozione territoriale.

  • MERCATO

Chi vende deve tener conto della centralità dell’ospite e della coerenza del suo prodotto con le caratteristiche del territorio e del contesto in cui vive.Volgendo uno sguardo al passato ci rendiamo conto che in un primo periodo la parola d’ordine del turismo è stata CRESCITA. Dagli anni 60 a gli anni 80 il turismo in Trentino si diffonde quantitativamente, dalla metà degli anni ’80 si diffonde il concetto di QUALITÀ. Ulteriori cambiamenti, soprattutto esterni e globali, hanno permesso di espandersi ad un mercato sempre più aperto, dinamico e accessibile. Non sono mancati però vari problemi come ad esempio la domanda concentrata in un determinato luogo. Generalmente si ha come preferenza in Trentino: -la cultura, non solo intesa come tradizioni, storia e paesaggio -la natura, essa occupa un’importante parte del territorio dove ci sono all’incirca 1000 alberi per abitanti -la montagna, a misura d’uomo, coltivata e vissuta. Successivamente al periodo covid c’è la necessità di essere più CONOSCIUTI e APPREZZATI, di essere percepiti come luogo ideale per vivere tutto l’anno, o anche solo per pochi giorni, e di creare un rapporto residenti e turisti.

La sfida non è più la vendita del prodotto fine a sé stessa, ma una vendita che esalti la crescita della redditività (vendita a valore), contribuisca ad elevare la qualità dell’offerta, proponendola in modo adeguato e mirato.Il turismo è un’attività economica che, promuovendo e valorizzando le risorse naturali, storiche, culturali e sociali, supporta l’occupazione e lo sviluppo locale. In molte aree, soprattutto montane, rappresenta una delle opportunità di “vivere e lavorare nel proprio territorio”Nel corso di questi anni abbiamo assistito ad una forte evoluzione del turismo. Ci siamo lasciati in parte alle spalle un certo modo di vivere le vacanze ed il tempo libero, oggi l’ospite è sempre meno turista e sempre più viaggiatore: un “temporary local” alla ricerca di una reale connessione emotiva con esperienze e luoghi basata su interessi, relazioni e autenticità. Dunque, a guidare il sistema turistico trentino è la qualità di vita nel territorio e l’attenzione all’ospite.L’offerta turistica in Trentino è diversificata e multi stagionale: oltre 1.500 alberghi, più di 2.400 strutture ricettive extra alberghiere (agriturismi, B&B, affittacamere, campeggi, rifugi, ecc.), oltre 9.000 alloggi privati affittati ad uso turistico. Airbnb che ha modificato il rapporto tra domanda e offerta, ha cambiato la percezione del prodotto, ha incrementato sensibilmente la disponibilità dell’offerta, ha semplificato il percorso di acquisto e ha stimolato nuova domanda e il turista che sceglie questa tipologia di ricettività spende 2 volte il valore dell’alloggio nella destinazione: 38,5% attività/esperienze, 33% ristorazione, 17,4% trasporti, 5,6% shopping

  • AMBIENTE INTERNO

Il Trentino, oltre a vantare un territorio unico ed una comunità organizzata per un’ospitalità di qualità, possiede un altro enorme patrimonio fatto di ospiti fedeli ed entusiasti. La Provincia Autonoma di Trento, ha organizzato varie attività organizzative e promozionali dei “Grandi Eventi” come: Il Festival delle Dolomiti, il Festival dello Sport.La bellezza delle Dolomiti e il loro essere un ambiente unico di relax, di scoperta, di salute, di educazione ecologica e anche di coerente e sano divertimento vengono valorizzati dal festival, un progetto culturale e ambientale che riunisce le energie creative di un’arte che è testimone del mutare dei tempi e di una nuova sensibilità ecologica, di un nuovo ruolo rispettoso e cosciente. Il festival dello sport è una nuova forma di promozione e comunicazione, che unisce i grandi atleti e squadre, con i grandi professionisti di settore, capace di relazionarsi con altri mondi: la cultura, la musica, la gastronomia ecc.Le produzioni trentine rivestono un ruolo cruciale per l’intero sistema, nel 2020, è stato introdotto un nuovo marchio “I Love Trentino” con l’obiettivo di sensibilizzare l’acquisto di prodotti e servizi appartenenti alle diverse categorie merceologiche.

  • CONCORRENZA

Valle D'AostaPer quanto riguarda l’offerta turistica risulta che quasi tutti i siti Web dei consorzi presentano al loro interno pacchetti più o meno strutturati, ed offerte speciali con gli impianti di risalita o i noleggi di attrezzature. In generale i pacchetti estivi appaiono più articolati e originali, un offerta che integra cultura ed enogastronomia, natura e benessere, sport e relax.L’offerta invernale è caratterizzata da offerte classiche “albergo+skipass+scuola di sci/noleggio.(La maggior parte dei siti presenta un’offerta turistica individuale, solo in 2 casi vengono espressamente presentate proposte per gruppi come nel caso dell’AIAT Cogne Grand Paradis e nel sito del Consorzio la Riviera delle Alpi in cui vengono individuati itinerari tematici con programma e prezzi.)L’offerta non è quasi mai organizzata per prodotto ma si tende semplicemente a distinguere le due stagionalità (estate/inverno) indicando le attività che si possono praticare in loco. Il turismo della montagna (invernale ed estivo) è in una fase di profondo cambiamento, e anche la Valle d’Aosta non è estrinseca alle trasformazioni che stanno interessando tutto l’arco alpino e che, più che essere legate a logiche congiunturali (dalla presenza della neve al rallentamento dei consumi) riflettono i mutamenti nei comportamenti della domanda. I turisti italiani infatti rappresentano i due terzi delle presenze nelle strutture ricettive della regione. Il raggio di attrazione della Valle d’Aosta è tuttavia limitato se si considera che i due terzi degli arrivi e poco meno delle presenze provengono dai tre mercati principali; e addirittura la Lombardia e il Piemonte da soli superano il 50% degli arrivi e delle presenze. Solo per fare un confronto in Trentino la quota di mercato dei primi due bacini di domanda non raggiunge il 40%.

ABRUZZO

  • CONCORRENZA

In Abruzzo, nel 2021, si sono registrati 454.000 occupati, quasi il 2% in più dell’anno precedente. Riguardo al turismo nel 2021 si sono registrati 44.341 avviamenti ovvero il 31,5% in più rispetto all’anno precedente Il patrimonio naturalistico abruzzese è collocato principalmente, ma non esclusivamente, sulle montagne, dove i paesaggi, gli ecosistemi e la biodiversità variano a seconda della quota, passando da ambienti mediterranei a scenari tipicamente alpini. Con un patrimonio alimentare e gastronomico di incredibile varietà e originalità, molto spesso frutto di lavorazioni artigianali, tramandate da generazione in generazione.Il suo punto di forza con 133 chilometri di costa, (lungo la quale si alternano arenili di sabbia dorata e fresche pinete, scogliere, promontori e calette di ciottoli, spiagge animate e lidi solitari) premiate con le prestigiose “Bandiere Blu”.La principale offerta turistica per queste aree è rappresentata dalla linea “mare per famiglie” l’azione strategica dovrà puntare sull’integrazione tra le località di mare, con elevate presenze di turisti, ed i borghi e le comunità rurali dell’entroterra, al fine di trasferire in tali contesti una parte del valore aggiunto turistico, ridurre lo squilibrio socio-economico e compensare le tendenze allo spopolamento. Il target caratterizzato dalla maggiore mobilità è sicuramente quello più giovanile, ma le famiglie, specie quelle con bambini in età scolare, possono rappresentare un mercato potenziale a fronte di una minor mobilità, potrebbero infatti offrire maggiore apprezzamento e curiosità per esperienze di scoperta, specie se accompagnate da attività di natura didattica ed educativa.

SCELTE STRATEGICHE

  • OBIETTIVI STRATEGICI

L’obiettivo strategico del progetto è di integrare il valore del territorio nel marketing d’impresa. Il Trentino è stato capace negli anni di acquisire notorietà e reputazione sul piano nazionale e internazionale in alcuni specifici campi. La proposta è l’attivazione di un progetto speciale volto a rafforzare ulteriormente e in nuovi ambiti/contesti l’azione di promozione del sistema economico e d’impresa Trentino valorizzandone il suo legame con il territorio.L’obiettivo culturale è di stimolare e accompagnare le Aziende a intraprendere un’evoluzione della relazione con i loro pubblici. Obiettivo strategico sarà quindi l’adattamento delle piattaforme di Trentino Marketing e l’acquisizione delle conoscenze tecniche utili a questo nuovo contesto.Dal 2022 la tecnologia entrerà nel marketing in modo ancora più importante, il che segnerà l'inizio di un nuovo modo di fare digital marketing (MarkTech). La sostenibilità rappresenta un fattore rilevante. Il trentino è tra i pochi paesi al mondo che può vantare una storia di sostenibilità vera, autentica e naturale. Le aziende si impegnano ad adottare politiche di sostenibilità ambientale, economico e sociale seguendo gli obiettivi dell’agenda 2030.

Gli obiettivi su cui Trentino Marketing sarà impegnata sono: • predisporre un piano delle necessità in termini infrastrutturali per l’organizzazione futura di eventi internazionali nelle diverse discipline sportive • promuovere e consolidare l’immagine del Trentino quale territorio leader nel panorama internazionale per la pratica sportiva outdoor a livello professionistico ed amatoriale, attraverso eventi di rilievo internazionale e dal forte valore mediatico • promuovere e consolidare il brand e il territorio Trentino nella comunicazione prima-durante-dopo gli eventi, massimizzandone la visibilità ed il valore mediatico • creare flussi e indotto turistico attraverso eventi ad alto numero di partecipanti, in particolare nei periodi primaverili ed autunnali• creare e mantenere una relazione costante con gli ospiti/ tifosi/partner.

1) gli sportivi 2) le famiglie 3) i curiosi 4) amanti del relax

Ci rivolgiamo principalmente ad un pubblico di uomini e donne amanti della natura, del buon vivere e del contesto alpino. Il nostro target cerca una montagna elegante ed accogliente, dove poter coniugare sport, benessere, enogastronomia, shopping, arte e cultura; un pubblico che apprezza uno stile di vita leggero e green, ama il buon mangiare e il vivere bene. Il range di età è molto ampio, 19 – 65 anni: se Bombers e Generazione X risultano importanti per la loro capacità di spesa attuale, Millennials e Generazione Z sono fondamentali per una crescita sostenibile nel medio-lungo periodo e vanno ingaggiati sin da subito per costruire una relazione duratura, autorevole ed efficace. Sono stati raggruppati 4 macro-gruppi target:

  • TARGET

Lo sport è uno straordinario mondo capace di generare e stimolare valori positivi nei giovani e uno stile di vita sano e dinamico. Nel tempo il Trentino si è affermato come una destinazione turistica rilevante e interessante per gli amanti delle tante pratiche sportive all’aria aperta, attraverso un ricco programma di eventi che lo porta ad essere conosciuto ed apprezzato come una delle top-destination a livello internazionale. Lo sport, nel messaggio turistico, rappresenta infatti uno straordinario veicolo esperienziale, fatto di valori affini al Trentino come l’ecosostenibilità, il green, il rispetto, la condivisione, per star bene e vivere un’esperienza altamente qualitativa di vita, per accrescere il proprio benessere psico-fisico. Il Trentino inoltre è terra di sportivi, si colloca ormai da anni tra le Regioni più sportive d’Italia

1. GLI SPORTIVI
2. LE FAMIGLIE

Le famiglie che viaggiano cercano la sostenibilità, rispettano i luoghi, le tradizioni, cercano esperienze autentiche e luoghi ecologici, pensando a come vorrebbero crescere i loro figli e al mondo che vorrebbero lasciare loro in eredità. Sostenibile è il viaggio del presente e del futuro.

3. I CURIOSI

Una ricerca sostiene che alcune categorie di individui hanno bisogno di ricercare sensazioni e stimolazioni sempre nuove, a volte anche correndo rischi fisici per provarle.Questa ricerca di sensazioni è articolata secondo 4 componenti:la ricerca di brivido e di avventura, la ricerca di esperienze nuove, la tendenza a liberarsi dalle inibizioni la suscettibilità alla noia. Per conoscere fino in fondo una nazione serve visitarla in prima persona, assaporarne le tradizioni e le bellezze artistiche che l’hanno resa celebre; per questo una vacanza all’insegna della cultura è la forma più pura di viaggio.

4. AMANTI DEL RELAX

I tempi frenetici del lavoro e della quotidianità spingono sempre più persone a viaggiare e a ricercare momenti e spazi di completo relax, in cui recuperare il proprio benessere fisico e psicologico. Attività sportive e ricreative a contatto con la natura, alimentazione sana, riposo e trattamenti olistici sono le componenti fondamentali di questa nuova tipologia di turismo, che mette al primo posto la pace e lo star bene, favorendo la nascita di nuove opportunità e la crescita di destinazioni nuove e finora poco considerate dalla maggior parte dei viaggiatori.

  • VALUE PROPOSITION E POSIZIONAMENTO STRATEGICO

Il sistema turistico Trentino si propone di mantenere la qualità della vita alta nel territorio e l'attenzione all'ospite.Gli spazi aperti, l'attenzione alla persona, alle relazioni ed evitare affollamenti si confermano irrinunciabili nell'era post covid con la nascita di "Trentino Aperto per Natura",esso si conferma trasversale a tutti i nostri target, declinato su tre asset strategici: montagna/natura, relazione e rispetto. La necessità, di definire sempre meglio l'esclusività dell’offerta trentina rispetto aduna concorrenza sempre più determinata ed esperta , ci spinge a valorizzare l’unicità della nostra destinazione rispetto a tutte le altre proposte , che ha declinato in tutte le sue ineguagliabili sfaccettature: stile, calore, eleganza, qualità e piacere del cibo, gusto per il divertimento, ricchezza di tradizioni e di cultura, attenzione al bello e a tutto ciò che è sano e salutare.

MARKETING MIX

L’offerta turistica si concretizza attraverso vari servizi che il trentino mette a disposizione.In un contesto di costante cambiamento, uno dei requisiti importanti nel terzo millennio per le destinazioni turistiche, è quello di diventare sempre più «intelligenti» come territorio.Il progetto che risponde a queste esigenze si chiama “Trentino Guest Platform”l’ospite è al centro di tutta la progettazione e sviluppo del modello trentino di relazione. Un modello pensato per il territorio e con il territorio per trasmettere il lato umano dell’ospitalità trentina partendo dalla conoscenza profonda del turista durante la sua permanenza, bisogni, comportamenti, interessi, servizi richiesti, per offrire un’esperienza personalizzata. Trentino guest Platform insieme a tutte le card territoriali avrà l’obiettivo di offrire in modo più completo e fruibile quanto il Trentino propone in termini di esperienze e servizi garantendo ai tanti operatori un canale diretto ed efficace- MIO Trentino App, conosce il turista, lo accompagna, lo assiste e lo consiglia-Il Marketplace è una piattaforma, in fase di progettazione, che permetterà la vendita di esperienze, attività, servizi e mobilità attraverso un carrello multiplo a disposizione del turista.L’app si caratterizza di 4 macro aree:

  • PRODOTTO SERVIZIO

Chi vende deve tener conto della centralità dell’ospite e della coerenza del suo prodotto con le caratteristiche del territorio e del contesto in cui vive. Il punto di vista della domanda, ancor più in questo periodo di grandi cambiamenti comportamentali, diventa strategico. La sfida è una vendita che esalti la crescita della redditività, contribuisca ad elevare la qualità dell’offerta, proponendola in modo adeguato e mirato. Un valore da perseguire per costruire una migliore dinamica con il cliente, è innanzitutto la fidelizzazione, chi sceglie solo in base al prezzo non è generalmente un cliente fedele, e nello stesso tempo comporta notevoli investimenti. Nel mondo del ricettivo e dell’ospitalità il ruolo manageriale è sempre più complesso ed articolato in termini di competenza e conoscenza. La clientela è sempre più esigente e selettiva e i mercati sono certamente più ampi ma più volubili.

  • PREZZO

Per realizzare gli obiettivi posti, la strategia di comunicazione si muoverà su più livelli. Bisogna essere in grado di offrire esperienze, storie, emozioni sia a livello di promessa che di vita sul territorio. Per quanto riguarda Baby boomers e Generation X saranno raggiunti principalmente con i media tradizionali (off-line) tv, radio, stampa ma anche attraverso i canali social (on-line) più consolidati ad esempio Facebook e YouTube. Per i millennials tv, radio, stampa, Instagram, Facebook YouTube, X e instagrammers e bloggers. La Gen Z Tik Tok, Instagram, YouTube, gamers e young influencers ci si avvarrà per lo più del digital, consolidando canali già presidiati efficacemente, ma anche portando qualche elemento di innovazione.

  • DISTRIBUZIONE E COMUNICAZIONE
  • DISTRIBUZIONE E COMUNICAZIONE