Want to make creations as awesome as this one?

Transcript

Parità di genere

Lavoro di Cuellar V. Nardò G. Bova G. e Salvati S.

conclusione

migliorata o peggiorata

film

disuguaglianze

in Europa

Índice

una condizione nella quale le persone ricevono pari trattamenti con la possibilità di partecipare ad attività senza ostacolo, indipendentemente dal genere.

+ INFO

Che cos' è la parità di genere?

Parità di genere

in Europa

01

È evidente la differenza tra paesi del nord e dell’ovest, che registrano punteggi da 70 in su e i paesi dell’est, collocati perlopiù tra i 50 e i 60 punti. Con ampio distacco c'è la Svezia, a 83,9 punti, ben 30,5 in più rispetto alla Grecia, ultima a 53,4. Per quanto riguarda l’Italia con 65 punti su 100 si colloca poco al di sotto della media europea pari a 68,6. Anche analizzando separatamente i 6 ambiti, il nostro paese mantiene all’incirca la stessa posizione, leggermente inferiore alla media europea. Fanno eccezione la sanità, dove il dato italiano (89) è in linea a quello medio (88,7) e in negativo la sfera lavorativa, dove l’Italia è ultima tra i 27 paesi Ue, con 63,2 punti su 100.

lavoro, denaro, conoscenza, tempo, potere, salute.

Ogni anno l’istituto europeo per l’uguaglianza di genere (Eige) realizza un indice che misura le condizioni di vita delle donne nei paesi dell’Unione europea. Il gender equality index si basa su diversi indicatori relativi a 6 ambiti specifici, i cosiddetti domini:

Indice di uguaglianza di genere 2022 nei paesi UE

le disuguaglianze

02

- Violenza contro le donne

- sfruttamento femminile (tratta di donne, prostituzione)

- L' UNFPA e l'UNICEF considerano la pratica della mutilazione genitale femminile una manifestazione di disuguaglianza
- il matrimonio precoce o il matrimoniono forzato
- In media, le donne godono appena il 77% dei diritti legali degli uomini

- inquadratura della donna come principale se non unica responsabile del lavoro di cura

- Le donne generalmente hanno più difficoltà a trovare un lavoro

Alcune di queste disuguaglianze

Nonostante il genere venga espresso in modo diverso nelle varie culture e il grado di subordinazione delle donne vari nel corso del tempo, è molto complicato trovare una cultura in cui le donne abbiano maggiori vantaggi politici e sociali rispetto agli uomini. Un esempio di questo squilibrio o disuguaglianza di genere si vede riflesso negli alti indici di violenza contro le donne (abuso sessuale, sequestro di persona, stalking, maltrattamenti e violenza di genere, ecc.).

The imitation game

Stati Uniti d'America, Regno Unito, Francia

biografico, drammatico, thriller, storico

Durante la seconda guerra mondiale, il brillante matematico inglese Alan Turing si offre per collaborare alla decifrazione dei messaggi segreti tedeschi, crittografati con la macchina Enigma. Vedendo che il suo metodo non funzionava, Turing decide di cambiare metodo: non più tentare di capire quale sia la chiave, ma realizzare una macchina che decifri automaticamente ogni singolo messaggio.

Genere

trama

114 minuti

Durata

Inglese

Lingua originale

Paese di produzione

Nel film possiamo notare che...

Le donne vengono sottovalutate. Nel film, Joan Clarke appena entra dove ci sono i candidati viene subito data per segretaria e le viene chiesto se il cruciverba lo avesse fatto da sola, come per mettere in dubbio la sua inteligenza, quando poi facendo il cruciverba è la prima a finirlo, battendo per fino lo stesso Turing. Alan è l'unico a non discriminarla, anzi, proprio lui va a casa dei suoi genitori (quelli di Clarke) per farla andare a lavorare con loro per decifrare "Enigma". In più possiamo notare come gi uomini lavorino tutti insieme come se fossero superiori mentre le donne non possono lavorare con essi

migliorata o peggiorata?

04

Nel 1975 la donna ha avuto il diritto di riforma di famiglia

Nel 1970 la donna ha avuto il diritto di divorzio

Nel 1963 la donna ha avuto il diritto di agli impieghi pubblici

Nel 1945 e il 1946 la donna ha avuto il diritto di voto passivo e attivo

La parita di genere e migliorata un sacco dal 1940 avendo il diritto di voto e altro

1975

1970

1963

1945-46

1940

dal 1940 a oggi

Stalking

violenza sulle donne

2013

Nel 2011 la donna ha avuto la quote rosa nei consigli di amministrazione

Nel 2010 la donna ha avuto la parita di lavoro

Nel 1981 la donna ha avuto addio al delitto d’onore e al matrimonio riparatore

Nel 1978 la donna ha avuto il diritto di aborto

2011

2009-2010

1981

1978

conclusione

05

+ INFO

Per quanto riguarda il divario globale di genere, esso risulta ad oggi colmato solo al 68,1%. Ciò significa che, al ritmo attuale secondo un rapporto fatto, ci vorranno 131 anni per giungerela piena parità.

Disuguaglianza oggi

quindi, quali sono le soluzioni?

Introdurre asili nido nelle aziende o in convenzione con strutture esterne

ridurre il divario in materia di reetribuzioni salari e pensioni

Assicurare equità di trattamento ed uguaglianza tra generi

Raggiungere una maggiore partecipazione delle donne nel mercato del lavoro

L'Obiettivo 5 si propone di eliminare ogni forma di discriminazione e violenza per tutte le donne, di tutte le età, così come pratiche quali i matrimoni precoci o forzati e le mutilazioni genitali.

A cosa mira l'obiettivo 5 dell'Agenda 2030?

include tra gli obiettivi della sua missione: quello di proteggere donne e bambine; di eliminare ogni discriminazione nei confronti delle donne; di includere il mondo femminile nei processi di pace e di promuovere eguali diritti ed opportunità per uomini e donne.

Commissione europea ha avviato una campagna per combattere gli stereotipi di genere incentrata sugli stereotipi che interessano gli uomini e le donne in vari aspetti della vita, fra cui quando si tratta di fare scelte professionali, condividere le responsabilità di assistenza e prendere decisioni.

cosa fa l'europa e agenda 2030

Enlaces web

Parità di genere

Mutilazione genitale femminile: che cos’è davvero

Disuguaglianza di genere

L’Agenda 2030

Obiettivo 5: Raggiungere l’uguaglianza di genere ed emancipare tutte le donne e le ragazze

Referenze

Grazie per la visione

Oggi permangono disuguaglianze tra donne e uomini, in particolare nel mercato del lavoro.

¿Al giorno d'oggi c'è parità di genere?

Gli stereotipi di genere continuano a influenzare la ripartizione dei compiti nell'ambiente domestico, nell'istruzione, nel lavoro e nella società.

Gli stereotipi di genere derivano dai ruoli socialmente approvati di donne e uomini nella sfera privata o pubblica, a casa o sul posto di lavoro.

1952: rappresentazione degli stereotipi sulle donne al volante, basata sullo stereotipo che le donne non possono guidare bene.

Steriotipi di genere

La donna deve essere bella e desiderabile.

La maternità come imperativo dell’identità

Predisposizione naturale all’amore.

La donna è custode e responsabile del benessere altrui.

Il patriarcato come modello sociale si fonda su alcuni comandi o imperativi sociali, molto diversi a loro volta fra uomini e donne. Alcune delle credenze o degli imperativi della concezione della donna sono:

La virilità si erge sulla capacità di sentirsi tranquilli e impassibili, sicuri di sé e indipendenti, nascondere le emozioni.

Al contrario, gli imperativi degli uomini in quanto tali sono: La virilità si fonda sul potere e sulla potenza e si misura con il successo, la superiorità sugli altri, la competitività, lo status, ecc. La mascolinità dipende dall’aggressività e dall’audacia e si esprime mediante la forza, il coraggio, l’audacia, la capacità di proteggersi e utilizzare la violenza come strategia per risolvere i conflitti.

va sottolineato che il discorso sui divari di genere è molto più ampio delle disparità citate. E riguarda non solo le donne biologiche, ma tutte quelle persone che si identificano in un genere diverso da quello di nascita, o che non si identificano in nessuno o in entrambi i generi maschile e femminile. Individui che in ogni caso subiscono discriminazioni a causa della loro identità di genere, solo perché fuoriesce dagli schemi culturali e sociali dettati da quello stesso paradigma che vuole le donne biologiche e tutte queste identità in una posizione di inferiorità.