Want to make creations as awesome as this one?

More creations to inspire you

Transcript

Tessuto osseo

sezione trasversale

Il tessuto osseo fa parte dei tessuti connettivi specializzati. E' un tessuto dinamico e plastico: provvede a modulare la propria struttura in seguito a stimoli organici e meccanici. Le cellule proprie del tessuto osseo sono le cellule osteoprogenitrici (di origine mesenchimale), osteoblasti, osteociti e osteoclasti che provvedono rispettivamente alla formazione, all’accrescimento, alla produzione, e al riassorbimento del tessuto osseo. La matrice extracellulare è costituita da numerosi sali minerali come i fosfati di calcio e magnesio, cementati da fibre di collagene e presenti sotto forma di cristalli di idrossiapatite. E' inoltre presente l'osseina, prodotta dagli osteoblasti e calcifica le fibre di collagene. Il tessuto osseo è soggetto a numerosi cambiamenti strutturali e funzionali dovuti all’età, all’alimentazione e alle condizioni generali dell’individuo.

generalità

Il tessuto osseo

attraverso una visione più ampia, iniziano ad intravedersi le strutture caratteristiche del tessuto osseo.

ingrandimento 4x

sono maggiormente visibili le unità costitutive del tessuto osseo: gli osteoni, di colore più chiaro.

ingrandimento 10x

sono adesso facilmente distinguibili i vari corpi cellulari, e i loro prolungamenti. All'interno degli osteoni riconosciamo anche i caratteristici canali di Havers.

ingrandimento 40x

Il tessuto osseo si divide in due tipologie principali: - il tessuto osseo spugnoso (non lamellare o trabecolare): in cui la matrice extracellulare non forma lamelle; sono presenti degli spazi "vuoti" dove troviamo il midollo osseo rosso, con funzione ematopoietica; - il tessuto osseo compatto ( lamellare) è organizzato in lamelle. Qui ritroviamo dei canali, detti "di Havers", da cui fuoriescono i vasi sanguigni.

Le tipologie di tessuto osseo

- Periostio: le superfici esterne dell’osso sono rivestite da una spessa capsula connettivale costituita da tessuto connettivo denso a fibre intrecciate, il periostio. Esso ha il compito di proteggere l’osso e di supportare l’azione trofica mediata dai vasi sanguigni di cui è ricco.-Endostio: è formato da uno strato di cellule pavimentose e fibre connettivali che ricoprono tutte le superfici interne dell’osso (trabecole ossee dell’osso spugnoso, cavità midollari dell’osso compatto, canali di Havers e di Wolkmann). .

I I rivestimenti

  • Cellule osteoprogenitrici :di origine mesenchimale con proprietà staminali: esse possono proliferare e differenziare in osteoblasti;
  • Osteoblasti: provvedono alla produzione della matrice, hanno quindi funzioni osteogeniche.
  • Osteociti : sono particolari osteoblasti hanno terminato la formazione dell’osso rimanendo intrappolati all’interno di lacune nella matrice da loro stessi prodotta;
  • Osteoclasti: sono deputati alla distruzione (riassorbimento) e al rimaneggiamento del tessuto osseo.

Le cellule del tessuto osseo