Want to make creations as awesome as this one?

More creations to inspire you

Transcript

+

+

+

+

il Castello

Did you know? We retain 42% more information when the content has movement. It may be the most effective resource for capturing your students’ attention.

Tip: Interactivity is the key to capturing the interest and attention of your students. A genially is interactive because your audience explores and engages with it.

You can use this feature ... To highlight super relevant info. 90% of the information we assimilate is received through sight.

Note: In Genially, we use AI (Awesome interactivity) in all our designs so that you can level up with interactivity and turn your content into something that engages and provides value.

Il termine castello deriva dal latino castellum, diminutivo di castrum, termine che indica una fortificazione che di solito veniva costruita, al tempo dei romani, in legno o in pietra per presidiare dei punti sensibili dell’Impero

origine del nome

MASTIO O MASCHIO

Si tratta di una torre fortificata che costituiva la principale postazione di difesa del castello, che serviva anche da magazzino, da residenza del signore e della sua guarnigione. Qualora gli assalitori fossero riusciti ad aprirsi un varco nelle mura esterne,

gli abitanti del castello potevano rifugiarsi nel torrione, che aveva solitamente un’altezza compresa tra i 12 e i 15 m, mura molto spesse e finestre piccole

Un fossato, spesso riempito d’acqua, isolava il castello e ne rendeva difficoltoso l’accesso.

IL FOSSATO

La porta di accesso era spesso costruita ad altezze elevate e per accedervi era necessario superare un ponte levatoio che era un ponte mobile che si alzava in caso di pericolo

INGRESSO

A partire dal IX secolo si è notato come l’azione di costruire un castello a scopo difensivo fosse una azione molto comune tra i signori locali. La tendenza a costruire castelli fu talmente visibile che gli storici definiscono questo fenomeno con il termine incastellamento

INCASTELLAMENTO

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit

Tra le due cinte murarie più esterne era costruito un camminamento di ronda: sopra di esso delle guardie armate erano di vedetta e si occupavano di controllare che nessun nemico si avvicinasse alle mura del castello.

Cammino di Ronda

Il castello era un sistema pressoché autosufficiente: oltre alle abitazioni, vi erano quindi magazzini, dispense, granai, pozzi, cisterne per conservare l’acqua, stalle.

UN MICROCOSMO

Dalle feritoie costruite sul muro esterno, le guarnigioni potevano lanciare frecce, dardi, pietre contro i nemici che dal di fuori tentavano di porre sotto assedio il castello.

Feritoie

Il merlo è un elemento tipico dell'architettura militare medievale. Si tratta di ciascuno dei rialzi in muratura eretti a intervalli regolari che coronano le mura perimetrali di castelli, torri difensive, palazzi, ecc. L'insieme dei merli viene detto merlatura. La loro funzione principale era di "difesa " : proteggere cioè gli assediati dal lancio delle frecce. Si distinguono tradizionalmente i cosiddetti merli guelfi o ghibellini: i merli guelfi (sostenitori dello stato pontificio) hanno la sommità squadrata; I Merli ghibellini hanno la sommità "a coda di rondine"

LA MERLATURA

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit

Superate le mura del castello si entrava nella parte di essa dedicata alle abitazioni: le case dei contadini e degli artigiani, le botteghe e ovviamente la residenza del signore.

LE ABITAZIONI