Want to make creations as awesome as this one?

Transcript

Info: Claude Monet, La Grenouillère, 1869, olio su tela, 74,6 x 99,7 cm. New York, Metropolitan Museum of Art .

Descrizione: Nel dipinto di Claude Monet, in primo piano, sono raffigurate la piccole barche ancorate alla riva e il barcone galleggiante sulla destra. Il paesaggio fluviale è occupato per quasi tutta la larghezza della scena dalle acque della Senna. Sul fondo si vede infatti la sponda opposta con un filare di alberi fitto e alto. Al centro del dipinto si trova l’isoletta con un alberello e alcuni bagnanti. Un minuscolo pontile, a sinistra, collega l’isoletta alla sponda. Infine, la superficie del fiume riflette le luci e le ombre create dagli alberi che crescono sulla riva.

Stile: Le pennellate sono applicate sulle tela senza fusione dei colori. Infatti la pasta colorata, come tipico nella tecnica impressionista, non viene diluita o stesa, e le pennellate sono materiche. Le figure sono prive di dettagli e diventano macchie colorate di una composizione ambientale. Infatti, è la lettura del contesto che permette all’osservatore del dipinto di decifrare i vari oggetti e le diverse forme. Gli elementi della scena sono infatti suggeriti da pennellate che abbozzano le parti in ombra e quelle in luce (come vedi "Rotonda dei bagni palmieri")

Colore e illuminazione: La tonalità generale de La Grenouillère è fredda, prevale, infatti il colore dell’acqua e del verde. La fila di alberi sulla sponda lontana è tendente al giallo perché maggiormente illuminata. Sull’acqua, in primo piano, la superficie è leggermente increspata e forti i contrasti di chiarezza rivelano i riflessi della luce che filtra tra i rami. Infine, in lontananza i contrasti si attenuano e non vi sono ombre profonde.

Spazio: Lo spazio tridimensionale viene suggerito da Monet attraverso la disposizione obliqua delle barche che si allungano verso il centro del dipinto. L’isola centrale, con i bagnanti, funziona da indicatore di profondità intorno al quale si organizza lo spazio virtuale. La profondità è suggerita dalle prospettive di grandezza, di sovrapposizione delle figure e dalla prospettiva aerea.