Want to make creations as awesome as this one?

Transcript

La storia del cinema

Dai fratelli Lumière a Nolan

go!

Gli inizi o il precinema

La cinematografia intesa come proiezione di immagini ha numerosi antenati, risalenti fino al mondo antico. In oriente esisteva la rappresentazione delle ombre cinesi. Fu però nel XVII secolo che nacque l'antenato più prossimo allo spettacolo cinematografico, la lanterna magica.Simile, ma opposto per modo di fruizione, era il Mondo nuovo.

I primi film

I primi film, o cortometraggi, furono realizzati mettendo delle sequenze di foto una dopo l'altra, così se riprodotte insieme con alta velocita si era in grado di vederne il movimento. Il numero delle foto che "compongono" un video vengono chiamati fotogrammi, all'inizio i fotogrammi standard in un film erano 14 al secondo mentre ora si arriva ai 24

Il cambiamento radicale: il cinema narrativo

Verso il 1906 il cinema viveva la sua prima crisi, per il calo di interesse del pubblico. La riscossa però fu possibile grazie alla creazione di grandi sale di proiezione a prezzi molto contenuti rivolte alla classe operaiaNascita di una nazione (1915) dell'americano David W. Griffith è da molti considerato il primo vero film in senso moderno in quanto tenta di codificare una nuova "grammatica". Secondo altri critici è Cabiria, Colossal italiano del 1914 diretto da Giovanni Pastrone a essere considerato il punto più alto di quegli anni e un modello di narrazione.

Harold Llyod in "Preferisco l'ascensore!" (1923)
Charlie Chaplin in "Il monello" (1921)

Il cinema muto Hollywoodiano

Con i primi grandi successi del cinema muto, fu presto chiaro che la produzione di film poteva essere un affare favoloso.Quando fu chiaro ai produttori che la gente si affezionava agli attori che vedeva sullo schermo, favorirono questo attaccamento promuovendo pubblicamente gli artisti che avevano dimostrato di piacere agli spettatori, iniziarono a guadagnare cifre inaudite e nacquero così i primi divi, le prime stelle.

Il cinema muto d'avanguardia europeo

Mentre negli Stati Uniti si sviluppava un cinema narrativo classico, destinato a un pubblico vasto, in Europa le avanguardie artistiche svilupparono tutta una serie di film sperimentali

L'arrivo del suono

Il suono è una delle invenzioni più importanti nella storia del cinema poichè portò a un nuovo modo di narrazione e di espressione. Però l'avvento del sonoro fu un evento sconvolgente per la quale anche il modo di recitare cambiò. Questo tema è spesso citato in altri film come "Viale del tramonto", "Cantando sotto la pioggia" e "Babylon"

L'arrivo del colore

Così come il sonoro la pellicola a colori rivoluzionò il cinema per sempre.Il grande cambiamento nasce nel 1916, prima del sonoro, grazie alla Technicolor che fu la m aggior azienda di produzioni a colore ed ancora oggi è ricordata per il suo enorme contributo allo sviluppo del cinema, il primo film a colori della storia fu "The toll of the sea" del 1922 ma il più famoso è di sicuro "Il mago di Oz" del 1939

Il cinema come propaganda nel mondo fascista

Oltre ad essere una forma di espressione, il cinema fu anche usato dalle dittature della seconda mondiale come fascismo e nazismo. Però quello più ricordato nella storia italiana fu decisamente la propaganda fascista negli anni 20-40 con la fondazione dell'istituto Luce e Cinecittà a Roma. Dato che il cinema era relativamente ancora nuovo aveva un maggiore effetto sul cittadino

Il dopoguerra

Dopo le devastazioni della seconda guerra mondiale, non si perde mai occasione per esaltare i valori dell' "american way of life". Nel 1942 viene girato da Michael Curtiz Casablanca, uno dei film più importanti e celebri della storia del cinema, che pur essendo un film romantico, ha saputo affrontare dignitosamente il problema della guerra, della resistenza partigiana e dell'avanzata nazista.Nel 1941 la RKO Pictures distribuì Quarto potere di Orson Welles, spesso considerato il più grande film di ogni tempo, che stravolge il normale modo di fare cinema.

Il neorealismo

Oltre allo sviluppo del cinema a hollywood, in Europa si sentiva il bisogno di raccontare le cose così come stanno, così subito dopo la guerra nasce il movimento del neorealismo guidato da De sica, Rossellini e Visconti. Questo movimento nasce con il fim del 1943 "Ossessione" di Luchino Visconti, grande maestro del cinema italiano, che ispirandosi al libro di James mccain "Il postino suona sempre due volte" fu il primo a portare in italia questo desiderio per raccontare le atrocità della guerra con semplici storie di tutti i giorni. Il movimento fu apprezzato da tutto il mondo che ispirarono anche il regista giapponese Akira Kurosawa.

Gli anni 50

Hollywood si stava ingrandendo, ma la sua popolarità girò per tutto il mondo e in quel periodo arrivò a conquistare il cinema mondiale il Giappone grazie al suo maestro, Akira Kurosawa. Questo decennio fu sottolineato dal terrore collettivo della guerra fredda tra Stati Uniti e Unione Sovietica. Nel frattempo, in Gran Bretagna, Alfred Hitchcock dominò il cinema grazie ai suoi thriller psicologici, tra cui Vertigo - la donna che visse due volte

Gli anni 60

Il cinema statunitense inizia a prevalere in tutto il mondo ma proprio nello stesso momento vive un periodo di crisi per motivi di varia natura, soprattutto di pubblico, da cui si svilupperà la cosiddetta Nuova Hollywood, inaugurata nel 1967 con film come Il laureato e Easy Rider, di due anni dopo. Nel 1960 Ben-Hur consegue 11 premi Oscar, mentre nel 1962 il musical West Side Story ne vince 10. Nello stesso anno debutta sul grande schermo la serie dell'agente 007. In Italia nasce il genere di spaghetti western con Leone e la trilogia del dollaro

La nouvelle vague

La nouvelle vague, ovver "nuova onda" è un movimento cinematografico francese sviluppato alla fine degli anni '50 in Francia mentre erano in un periodo di grande crisi politica data anche dalla guerra in Algeria, la nouvelle vague è caratterizzata da film piuttosto semplici che non usavano grandi attrezzature poichè volevano rappresentare il vero, e il costo di questi film era molto basso per cui i registi potevano autofinanziarsi. I maggiori esponenti di questo movimento furono Truffaut e Godard.

Gli anni 70 in Italia furono un decennio caratterizzato da grande contrasto politico che sfociò nel terrorismo, il cui culmine fu il rapimento di Aldo Moro. Un regista come Elio Petri tradusse in satira le tensioni sociali e politiche di quel periodo.

gli anni 70 in italia...

...E nel resto del mondo

Ad Hollywood si verificò la "Hollywood new age" ovvero una nuova età per cui i registi più di risalto, Spielberg, Scorsese e Coppola decisero di iniziare a girare i loro film all'aperto e non più in studio così da dargli una concezione più realistica e per affermare maggiore libertà espressiva. Però con Scorsese e Coppola naque il genere di film criminali della mafia italo-americana a New York caratterizzata dalla famiglia Corleone della saga del Padrino

Gli anni 80

Negli anni 80 ci fu il culmine della fantascienza che nacque con il primo Star wars, alla fine degli anni 70, favorito anche dallo sviluppo del CGI, che si compì soprattutto nei primi anni 90. Questo decennio fu fortemente influenzato dalla guerra del Vietnam, conclusa 5 anni prima

Anni 90

Gli anni novanta furono il trionfo degli effetti speciali, specialmente nella fantascienza. Il regista che diede il via a questa rivoluzione fu Spielberg nel 1993 con Jurassic park. In parallelo si sviluppò il cinema gangster (i maggiori film ricordati sono Pulp Fiction e Quei Bravi Ragazzi). Oltre al grande successo del cinema americano, anche il cinema giapponese con gli anime ebbe un enorme successo

L'era digitale e gli ultimi decenni

Con l'avvento dei computer e degli effetti speciali il cinema cambiò di nuovo, poichè con il digitale cambiano molti i limiti di ciò che si può realizzare. Alcuni registi, nel rivendicare maggiore autonomia espressiva, si affidano ancora, per esempio, al bianco e nero.

“Il cinema è un'invenzione senza futuro.”

-I fratelli Lumière