Want to make creations as awesome as this one?

More creations to inspire you

Transcript

Giorgio Telloli 2D

Giorgio Telloli 2D

Patroclo pensa sempre ad Achille, infatti egli fu il suo ultimo pensiero prima di scendere nell'Ade.

Patroclo vede il mondo come un campo di battaglia, un mondo in cui, con tutto quel male c'è bisogno di un po' di bontà

Si Ettore vantati pure, a té hanno dato vittoria Zeus Cronide e Apollo, che m'abbatterono facilmente, essi l'armi dalle spalle mi tolsero. Se anche venti come té m'assalivano perivano tutti quì, vinti dalla mia lancia. me uccise destino fatale ed il figliuolo di Latona e tra i mortali Euforbo, tu mi uccidi per terzo.

Patroclo si preoccupa sempre per Achille, e di aiutare gli altri, si porta anche il peso dell' allontanamento dalla sua terra natia, per essere esiliato a Ftia

A Patroclo sta a cuore Achille ma anche la sua gente, ed è pronto a fare di tutto pur di salvare la sua patria.

Patroclo nacque circa nel 1027 a.C. E' figlio di Menezio e diventò compagno di Achille a Ftia.

Patroclo è sempre stato sostenuto da Achille. Essi sono sempre stati compagni e si sono sempre sostenuti da quando si sono conosciuti a Ftia

Patroclo ha partecipato alla grande battaglia di Troia, lui si occupava di curare i feriti ma salvò la sua patria indossando l'armatura e guidando l'esercito di Achille, che per una lite con Agamennone si era ritirato dal campo di battaglia.

A Patroclo manca la ferocia di un guerriero, egli infatti è buono e per ciò non combatte. Combatté solo per salvare la sua patria nel momento in cui ne aveva più bisogno. Gli manca ormai anche la vita, che gli fu tolta da Ettore mentre guidava l'esercito di Achille.

La debolezza di Patroclo è la sua bontà, che pur essendo una grande qualità, per un guerriero può risultare limitante.