Want to make creations as awesome as this one?

An unfinished cathedral in Bologna

Transcript

2.

La costruzione del corpo principale della chiesa durò per circa trecento anni, ovvero dal 1390 al 1663 quando i lavori vennero interrotti improvvisamente dal pontefice Pio V. Secondo molti il papa prese questa decisione perché non voleva che fosse costruita una cattedrale più grande di quella situata a Roma, ma secondo altre persone, quelle che sono entrate in possesso di informazioni proibite, il pontefice era stato guidato da un altro sentimento nella sua scelta, un sentimento ben diverso dall’invidia. La paura.

1.

Secondo molti la cattedrale di San Petronio, a Bologna, sarebbe dovuta diventare la più grande cattedrale d’Italia, ovvero una costruzione in grado di superare in maestosità San Pietro e il duomo di Milano.

3.

Tra queste informazioni si trovano le testimonianze di alcuni muratori che hanno preso parte alla costruzione della gigantesca cattedrale; questi uomini dichiararono di sentire, ogni qualvolta si ritrovassero a lavorare nel cantiere, un forte senso di disagio e pesantezza ed un clima teso, quasi insopportabile. Più volte i lavori furono interrotti perché alcuni uomini dicevano di avere allucinazioni spaventose e realistiche di diavoli e demoni che li fissassero continuamente nel buio, alcuni giurarono persino di averli sentiti cantare parole incomprensibili a bassa voce. Purtroppo non solo i lavoratori, ma anche i passanti cominciarono a vedere starne ombre muoversi all’interno delle scure finestre e a sentirsi seguiti da qualcosa mentre passeggiavano per Piazza Maggiore.
Più le costruzioni andavano avanti, più la salute dei muratori andava peggiorando, ad ogni pezzo di marmo o mattone che venisse aggiunto alla chiesa un operaio si sentiva male o si licenziava.
Quando gli operai cominciarono a sparire all’interno della cattedrale intervennero il vescovo di Bologna e, in seguito il pontefice stesso.


4.

Incuriosito dagli strani avvenimenti legati alla cattedrale, Pio V volle indagare su di essa e la sua natura, quindi chiese di poter vedere i progetti originali del 1300, quelli che non erano stati modificati da alcun architetto posteriore all’originale. Questi gli vennero consegnati dopo lunghe e dettagliate ricerche all’interno del laboratorio dell’architetto, che da tempo aveva perso il senno ed era scomparso anche lui come gli altri lavoratori.


5.

In quel disegno orrendo, sulla facciata della chiesa, apparivano centinaia se non migliaia di bassorilievi di diavoli nell’atto di compiere gli atti più terribili e depravati. Ma ciò che scosse di più l’uomo non furono quelle figure che ormai aveva visto e rivisto in molti quadri e illustrazioni. Insieme ai diavoli apparivano altri esseri mostruosi e indescrivibili, creature che sembravano essere uscite da un luogo più oscuro e profondo dell’inferno contro cui nemmeno il più santo degli uomini non sarebbe potuto scappare in preda ad un folle terrore.





6.

Dopo questo evento le costruzioni vennero interrotte quasi immediatamente, e i progetti originali di quella che sarebbe dovuta diventare la più grande e maestosa cattedrale d’Italia vennero distrutti.