Want to make creations as awesome as this one?

Progetto "WoGa"

More creations to inspire you

GRETA THUNBERG

Horizontal infographics

FIRE FIGHTER

Horizontal infographics

STEVE JOBS

Horizontal infographics

ONE MINUTE ON THE INTERNET

Horizontal infographics

SITTING BULL

Horizontal infographics

Transcript

la catena verde-rosa

START

Il mondo della cultura e delle scienze ha visto come protagonisti quasi esclusivamente gli uomini, ma anche le donne hanno ricoperto ruoli fondamentali in molti ambiti, specialmente nelle scienze e nella matematica.

perchè catena verde-rosa?

Queste donne, grazie al loro studio incessante, all'impegno, al coraggio e alla loro tenacia, sono diventate simbolo di speranza e di riscatto sociale e rappresentano un esempio concreto per tutte le donne che, ogni giorno si battono per i propri diritti.

NEXT

perchè Catena verde-rosa?

Nella catena abbiamo visto l'unione, l'impegno e la resistenza di queste donne che ne sono gli elementi forti. Naturalmente la catena non poteva essere che di due colori:

NEXT

la vita

l'intreccio dei destini

i legami chimici

il dna

Abbiamo preso come immagine emblematica una CATENA, che simboleggia:

ROSA

Come le Donne

VERDE


Come la vita e la speranza che esse rappresentano

LA nostra timeline

5

8

3

4

2

1

6

7

10

9

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

L Aura bassi

sophie germain

ada byron

sofia

Kovalevskaja

marie curie

barbara

mcclintock

dorothy

crowfoot

katherine

johnson

rita levi

montalcini

margherita

Hack

clicca su una figura per continuare

LAURA BASSI

1

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

I LUOGHI

1711-1778

BOLOGNA

RICONOSCIMENTI

SCOPERTE

E' stata la prima donna a raggiungere una posizione universitaria in campo di studi scientifici.

Ha avuto un ruolo decisivo nel creare una rete di collaborazione tra gli studiosi europei.

Le sono dedicati un cratere su Venere e un asteroide, 15742 Laurabassi

Nei suoi esperimenti, scoprì la proprietà di condurre elettricità del vetro.

Si interessò dei fluidi, studiandone la diffusione nei capillari.

Scoprì la proprietà di attrarre elettricità da parte degli oggetti appuntiti, anticipando gli studi di Benjamin Franklin.


sophie germain

2

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

I LUOGHI

1776-1831

PARIGI

RICONOSCIMENTI

STUDI

Fu la prima donna ammessa a frequentare le sessioni dell'Accademia delle Scienze.

Un cratere del pianeta Venere è stato nominato in suo onore.

E' attualmente un'icona del femminismo per la battaglia che condusse contro i pregiudizi sociali e culturali del suo tempo.


Germain si dedicò alla ricerca matematica più avanzata.

Si interessò di teoria dei numeri e lavorò a lungo sull'ultimo teorema di Fermat.

Individuò un particolare tipo di numero primo (che da lei prese il nome di numero primo di Sophie Germain).

Sophie Germain ha lasciato anche un certo numero di articoli di notevole valore sulla storia della scienza.

Fu costretta ad utilizzare uno pseudonimo maschile, Antoine-August Le Blanc, poichè all'epoca le donne erano escluse dagli ambienti accademici


ada byron

3

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

I LUOGHI

1815-1852

LONDRA

RICONOSCIMENTI

SCOPERTE

Nel 1979, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha onorato il ricordo di Ada Byron- battezzando "ADA" un linguaggio di programmazione per grandi sistemi di calcolo particolarmente innovativo.

Alla sua figura è ispirato il film, “Conceiving Ada”, del 1997.

La scienziata è anche presente nel romanzo steampunk del 1990 “La macchina della realtà di Bruce Sterling e William Gibson.

E’ stata la prima programmatrice della storia e a lei va il merito di avere sviluppato ciò che viene considerato il primo software.

In una sua pubblicazione del 1843, ha migliorato ed ampliato il primo progetto di macchina analitica ad opera del matematico Babbage.

Grazie ai suoi studi, ha previsto le potenzialità ed il ruolo centrale nella vita quotidiana del moderno computer.


sofia kovalevskaja

4

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

I LUOGHI

1850-1891

MOSCA

STOCCOLMA

RICONOSCIMENTI

SCOPERTE

Ottenne il Gran premio dell'accademia parigina nel 1889.

In suo onore è stato battezzato il cratere Kovaleskvaja sulla superficie della Luna.

Scoprì il terzo caso classico della risolubilità del problema della rotazione di un corpo rigido con un punto fisso.

Dimostrò l'esistenza della soluzione analitica del problema di Cauchy per i sistemi di equazioni differenziali alle derivate parziali.

Trattò il problema di Laplace riguardante l'equilibrio degli anelli di Saturno, ottenendo la seconda approssimazione.

Fu molto attiva anche nel campo della teoria del potenziale, della fisica matematica e della meccanica celeste.


mARIE CURIE

5

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

I LUOGHI

1867-1934

VARSAVIA

PARIGI

RICONOSCIMENTI

SCOPERTE

STUDI

Vinse il premio Nobel per la fisica nel 1903.

Vinse il premio Nobel per la chimica nel 1911.

Ricevette la medaglia Davy e la medaglia Matteucci nel 1904.

A Mary Curie è dedicato un asteroide il 7000 Curie ed un minerale di uranio: la curite.

Marie Curie con suo marito Pierre nel 1898 scoprì il radio, un elemento radioattivo

Con i suoi esperimenti riuscì ad estrarre dalla pechblenda un nuovo elemento radioattivo, il polonio.

Sempre nella pechblenda individuò un terzo elemento a cui venne dato il nome di attinio.



Riprodusse gli esperimenti condotti da Becquerel e si servì dell’elettrometro, messo a punto per misurare piccole correnti elettriche nell’aria attraversata dai raggi dell’uranio.

Marie Curie notò che la pechblenda, minerale contenente piccole quantità di sali di uranio, manifestava più radioattività dei sali di uranio stessi.


BARBARA MCCLINTOCK

6

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

I LUOGHI

1902-1992

HARTFORD

NEW YORK

RICONOSCIMENTI

SCOPERTE

Nel 1944, è stata eletta membro della Accademia Nazionale delle Scienze;

Nel 1945 divenne presidente della Società Genetica d'America.

Ricevette la National Medal of Science nel 1970, l'Horwitz Prize ed il Premio Wolf nel 1981.

Ricevette il Premio Nobel per la medicina nel 1983

specializzata in citologia, nel 1931 pubblicò i risultati delle sue ricerche sulla ricombinazione dei cromosomi, lavoro che apportò un notevole contributo allo studio della genetica, all'epoca ancora agli albori.

Studiando i cromosomi del mais formulò la teoria della trasposizione genetica.

Pubblicò i suoi lavori nel 1951 su diverse riviste scientifiche, ma la reazione della comunità scientifica fu diffidente, poichè le donne venivano ancora sottostimate.

DOROTHY CROWFOOT

7

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

I LUOGHI

1910-1994

IL CAIRO

OXFORD

SHIPSTON

RICONOSCIMENTI

ATTIVISMO

CARRIERA

Ha ricevuto il Premio Nobel per la Chimica nel 1964 per la scoperta della struttura della vitamina B12 e per il contributo nell’ambito della cristallografia a raggi X;

E' stata insignita come Membro dell’Ordine al Merito del Regno Unito, diventando una delle prime donne a riceverlo

Nel 1987 ha ricevuto il Premio Lenin per la pace, dovuto al suo impegno per promuovere il disarmo e il superamento delle barriere imposte dalla Guerra Fredda

E' tra i fondatori del “Pugwash Conferences on Science and World Affairs”, un’organizzazione non governativa, costituita da numerosi scienziati, che lottava – e lotta tuttora – per un mondo libero dalle armi nucleari e da altre armi di distruzione di massa.


E' stata una pioniera della cristallografia a raggi X, uno strumento utilizzato per ottenere informazioni circa la struttura di differenti tipi di molecole e come questa possa essere utilizzata per determinare la struttura della vitamina D e di alcuni ormoni sessuali.

Nel 1934, ottiene la prima foto a raggi X della pepsina, un enzima dello stomaco.

Nello stesso anno scopre il cristallo di insulina, un ormone proteico

Si è dedicata allo studio della penicillina, la cui struttura viene ottenuta nel 1945



rita levi montalcini

8

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

I LUOGHI

1909-2012

TORINO

RICONOSCIMENTI

BRUXELLES

FEMMINISMO

ROMA

AMERICA

SCOPERTE

Ha ricevuto il premio Nobel per la medicina nel 1986 "per le sue scoperte e l'individuazione di fattori di crescita cellulare;

E' stata nominata senatrice a vita nel 2001;

Ha ricevuto numerose lauree honoris causa e premi vari

«L'umanità è fatta di uomini e donne e deve essere rappresentata da entrambi i sessi.»

Rita sapeva che le capacità intellettuali sono le stesse, al contrario delle opportunità lavorative.

Sosteneva che le donne costituissero al pari degli uomini un immenso serbatoio di potenzialità, sebbene ancora lontane dal raggiungimento di una piena parità sociale.

E' partecipe dell'attività del Movimento di Liberazione Femminile per la regolamentazione dell'aborto

Negli anni cinquanta con le sue ricerche scoprì ed illustrò il fattore di accrescimento della fibra nervosa (nella fattispecie della struttura assonale), noto come NGF.

La scoperta dell’NGF rappresenta sicuramente un fattore importante per possibili sviluppi terapeutici nell'ambito di malattie neurodegenerative.


katherine johnson

9

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

I LUOGHI

1918-2020

WHITE SULPHUR SPRINGS

RICONOSCIMENTI

NASA

MISSIONI
SPAZIALI

CARRIERA

Nel 1979 è stata inserita nella lista di afroamericani che si sono distinti nel campo della scienza e della tecnologia

Nel 2015 ha ricevuto dall'allora presidente Barack Obama la Medaglia presidenziale della libertà, la massima decorazione negli Stati Uniti.

A febbraio 2019, la Nasa le ha intitolato uno dei suoi edifici.

Nel 2017 la sua storia è stata raccontata nel film "Il Diritto di Contare" che ha ricevuto 3 candidature ai premi Oscar

Lavorò al calcolo delle traiettorie di voli tra cui quello di Alan Shepard, il primo americano nello Spazio nel 1961 e poi di John Glenn, che l'anno dopo divenne il primo americano in orbita.

I suoi studi furono fondamentali per l'allunaggio, obiettivo che venne raggiunto con la missione Apollo 11 che vide Neil Armstrong mettere piede per la prima volta sulla Luna il 20 luglio 1969.


Si è diplomata all'età di 14 anni e ha ottenuto la laurea cum laude a soli 18 anni

Nel 1952 è entrata a far parte del dipartimento di calcolo della NASA


margherita hack

10

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

RICONOSCIMENTI

CARRIERA INTERNAZIONALE

I LUOGHI

1922-2013

TRIESTE

FIRENZE

SCOPERTE

E' stata la prima donna italiana a dirigere l'osservatorio astronomico di Trieste.

E' stata membro delle due più prestigiose società fisiche e astronomiche e direttrice del dipartimento di astronomia dell'università di Trieste.

E' stata un membro dell'Accademia Nazionale dei Lincei.

Ha ricevuto il premio internazionale "Cortina Ulisse" per la divulgazione scientifica.

Ha lavorato presso numerosi osservatori americani ed europei ed è stata per lungo tempo membro dei gruppi di lavoro della ESA e della NASA


La Hack si è occupata dello studio delle stelle a emissione b, ovvero le stelle in rapida rotazione che emettono grandi quantità di materiale e talvolta formano anelli o inviluppi stellari.

MANUELA CALLARI

NEXT

Manuela Callari è una giornalista, ricercatrice e scrittrice scientifica e medica freelance italiana, residente a Sydney

BIOGRAFIA

RICONOSCIMENTI

PUBBLICAZIONI

IL NOSTRO INCONTRO

INDICE

BIOGRAFIA

Biografia e studi

La ricercatrice ha iniziato i propri studi al liceo scientifico "Foscolo" di Canicattì.
In seguito si è laureata e ha conseguito un master in Scienze dei Materiali presso l'università di Milano "Bicocca".
Dopo essersi trasferita in Australia, ha ottenuto un dottorato di filosofia e un "Graduate Certificate" in "Science Comunication"

RICONOSCIMENTI

PUBBLICAZIONI

IL NOSTRO INCONTRO

Pubblicazioni

NEXT

Ha collaborato con importanti testate giornalistiche e riviste scientifiche internazionali tra cui "The Guardian", "The Saturday Paper", "Cosmos Magazine" "The Medical Republic", Wild Health", "The Limbic"...

BIOGRAFIA

RICONOSCIMENTI

PUBBLICAZIONI

IL NOSTRO INCONTRO

Pubblicazioni

Le sue pubblicazioni trattano in maniera poliedrica le principali problematiche di stampo scientifico come i vaccini, la pandemia di covid-19, la lotta al cancro, salute psicologica e ambientale, agricoltura sostenibile ecc.

BIOGRAFIA

RICONOSCIMENTI

PUBBLICAZIONI

IL NOSTRO INCONTRO

Riconoscimenti

La ricercatrice è membro dell'Autralasian Medical Writers Association (AMWA) e della Science Journalists Association of Australia (SJAA)
Ha vinto l'Autralasian Medical Writers Association Early Career Award 2021

NEXT

IL NOSTRO INCONTRO

In occasione della challenge "WoGa", abbiamo scelto di invitare la ricercatrice Manuela Callari, organizzando un incontro virtuale. Durante la videoconferenza abbiamo avuto modo di conoscere la sua esperienza e abbiamo ricevuto diversi consigli utili per il nostro percorso futuro e per acquisire una maggiore consapevolezza del lavoro in campo scientifico.

CIO' CHE CI HA TRASMESSO

NEXT

L'incontro con la ricercatrice ha fatto trasparire un senso di fiducia e di ammirazione nei confronti delle donne nel mondo della scienza che, nella sua carriera, sono diventate fonte di ispirazione e punto di riferimento.

NEXT

In questo incontro abbiamo acquisito una visione nuova nell'ambito dello studio e del lavoro all'estero

Partire aiuta a crescere per un arricchimento culturale

Specialmente durante la giovinezza, secondo Manuela è importante allargare i propri orizzonti e visitare paesi con diverse mentalità, culture e tradizioni.

CIO' CHE CI HA TRASMESSO

NEXT

Manuela, infine, ci ha esortati alla determinazione nel perseguire i nostri obiettivi, che devono scaturire dalla consapevolezza di se stessi ed essere conformi alle proprie inclinazioni e passioni

Bisogna sapersi adattare ai propri interessi, imparare ad imparare ed applicare le proprie capacità per superare le difficoltà.

CIO' CHE CI HA TRASMESSO

NEXT

LE DONNE IN INGEGNERIA

la catena verde-rosa

LA nostra timeline

5

8

3

4

2

1

6

7

10

9

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

EDITH CLARKE

Emily roebling

emma strada

victoria

drummond

hedy lamarr

mary winston

jackson

stephany louise

kWolek

ellen ochoa

amalia

ercoli-frinzi

marissa mayer

clicca su una figura per continuare

Emily roebling

1

I LUOGHI

1826-1904

NEW YORK

IL PONTE DI BROOKLYN

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

Emily Roebling è stata la prima donna a dirigere i lavori di completamento del ponte di Brooklyn, gettandosi in un'impresa ingegneristica colossale, imparando ogni tecnica riguardo alla costruzione dei ponti.

Moglie di Washington Roebling, il costruttore del ponte di Brooklyn, dopo la malattia del marito ha coordinato per 14 anni la costruzione del ponte, riuscendo ad arginare la concorrenza di ingegneri che volevano rubarle il posto.



E' stata, inoltre, la prima persona ad attraversare il ponte in carrozza.

A lei è dedicata una targa posta sul ponte



edith clarke

2

I LUOGHI

1883-1959

LA PRIMA INGEGNERA STATUNITENSE

HOWARD COUNTY

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

Edith Clarke è stata un'ingegnera e docente statunitense. Fu la prima donna a lavorare come ingegnera elettrica negli Stati Uniti e la prima professoressa di ingegneria elettrica nel paese. È stata, inoltre, la prima donna a consegnare un articolo scientifico all'American Institute of Electrical Engineers, la prima donna ingegnere la cui posizione professionale è stata riconosciuta da Tau Beta Pi, e la prima donna nominata Fellow dell'American Institute of Electrical Engineers . Si è specializzata nell'analisi dei sistemi di potenza ed è l'autrice di "Circuit Analysis of AC Power System".


Nel 1918, Clarke si iscrisse al Massachusetts Institute of Technology e l'anno successivo divenne la prima donna a conseguire una laurea in ingegneria elettrica presso il MIT.

Nel 1954, ricevette il premio alla Society of Women Engineers (SWE).

Nel 2015, Clarke è stata inserita postuma nella National Inventors Hall of Fame .

emma strada

3

I LUOGHI

1884-1970

TORINO

LA PRIMA INGEGNERA

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

Emma strada è stata la prima donna a laurearsi in ingegneria il 5 settembre del 1908.

Iniziò la sua carriera presso l'ufficio del padre, anch'egli ingegnere, e con lui progettò una galleria di ribasso in Valle d'Aosta, funzionale a drenare l'acqua.


Fu protagonista nella progettazione di tratti ferroviari, del ramo calabro e dell'acquedotto pugliese. Si occupò perfino del progetto e della direzione dei lavori per le operazioni di scavo di una miniera d'oro a Macugnaga.

Nel 1957 fondò l'associazione italiana donne, ingegnere e architetto (Aidia) per valorizzare il ruolo delle donne nella scienze e nella tecnica

victoria drummond

4

I LUOGHI

1894-1978

ERROL

LA PRIMA INGEGNERA MARITTIMA

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10


Victoria Drummond è stata la prima donna ingegnera marittima britannica e la prima donna membro dell'Institute of Marine Engineers.

Fin da giovane ha partecipato a numerosi cantieri per la costruzione di navi da guerra.

Negli anni '20 ha inoltre prestato servizio in spedizioni verso l'Australia, la Cina, l'Africa e l'India.

All'inizio della Seconda Guerra Mondiale ha lavorato come guardia aerea e si è distinta nel comando della nave SS Bonita durante un attacco tedesco.

Ritornata in patria, è stata accolta come un'eroina e ha ricevuto sia l'MBE (Member of the Order of the British Empire) sia LLOYD'S war medal for bravery at sea

Hedy lamarr

5

I LUOGHI

1914-2000

HOLLYWOOD

UNA DIVA AL SERVIZIO DELLA SCIENZA

ALTAMONTE SPRINGS

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

Hedy Lamarr è stata un'ingegnera austriaca naturalizzata statunitense.

E' passata alla storia come una bellissima attrice di Hollywood, protagonista di film di successo come "Estasi"

Tuttavia, ha dato un importante contributo alla scienza, attraverso i suoi studi nel campo delle telecomunicazioni.


Nel 1941, dopo aver conosciuto lo scienziato George Antheil, lavorò alla progettazione di un meccanismo per
contrastare i segnali radio nemici per il telecontrollo dei razzi, conosciuto come "Secret Communication System". Questa scoperta fu fondamentale poiché le onde radio inviate ad intervalli regolari erano note solo al trasmettitore e al ricevitore.

Nel 1962, la tecnica da lei ideata fu adottata dagli Stati Uniti con il nome di CDMA (Code Division Multiple Access)

Nel 1985 la nuova tecnologia di Lamarr iniziò a diffondersi divenendo la base della nuova tecnologia telefonica applicata alle connessioni Wi-Fi e Bluetooth.




MARY JACKSON

1

I LUOGHI

1921-2005

LA PRIMA INGEGNERA AFROAMERICANA ALLA NASA

HAMPTON

NASA

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

Mary Winston Jackson è stata una matematica e ingegnera statunitense che, dopo aver frequentato corsi di ingegneria avanzata, nel 1958 diventò la prima ingegnera nera della NASA.


Si occupò dell'analisi dei dati degli esperimenti in galleria del vento e dei voli di aerei reali presso la sezione di aereodinamica teorica. Il suo obiettivo era quello di comprendere il flusso d'aria, comprese le spinte e la resistenza fluidodinamica, per migliorare gli aerei statunitensi.



Mary ebbe una brillante carriera, specializzandosi in studi sullo "Strato limite di quantità di moto" su cui pubblica alcune ricerche. Nonostante ciò non riuscì ad ottenere promozioni a livello manageriale. Vista la situazione, decise di abbandonare la carriera di ingegnere e chiese di lavorare nel settore amministrativo delle risorse umane con l'obiettivo di diventare una specialista nel campo delle pari opportunità

La sua storia è ripercorsa nel film "Il diritto di contare" del 2016.

StePHanie louise kwolek

7

I LUOGHI

1923-2014

NEW KINGSTON

L'INVENTRICE DEL KEVLAR

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

Stephanie Kwolek è stata un'ingegnera chimica americana, pioniera nella ricerca sui polimeri.

Fu durante il suo lavoro allo stabilimento DuPont che Stephanie inventò il Kevlar, una fibra sintetica cinque volte più resistente dell'acciaio, capace di resistere agli impatti, al calore e alla trazione.


La sua scoperta è diventata fondamentale nella realizzazione dei giubbotti antiproiettile, attrezzature per sport estremi e per componenti utilizzate in aeroplani, navi e vetture da competizione

E' stata la quarta donna a ricevere un riconoscimento del National Inventors Hall of Fame

Ha ricevuto numerosi riconoscimenti tra cui la National Medal of Technology and Innovation; nel 2003 è stata aggiunta alla National Women's Hall of Fame

amalia ercoli-finzi

8

I LUOGHI

1937-

MILANO

LA REGINA DELLO SPAZIO

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

Amalia Ercoli-Finzi è una delle persone di massima esperienza internazionale nel campo dell'ingegneria aerospaziale, consulente scientifico della NASA, dell'ASI e dell'ESA.

È stata la prima donna in Italia a laurearsi in Ingegneria aeronautica ed è stata autrice di oltre 150 tra pubblicazioni scientifiche e comunicazioni a congressi nazionali ed internazionali.


E' stata direttrice del dipartimento di ingegneria aerospaziale del Politecnico di Milano, insegnandovi meccanica orbitale e sistemi spaziali. È stata, per alcuni anni, membro del Consiglio di Amministrazione del Museo nazionale della scienza e della tecnologia Leonardo da Vinci, nonché membro esperto dell’Human Spaceflights Vision Group (HSVG) dell'ESA per la programmazione di voli spaziali con equipaggio.


È inoltre consigliere dell'Associazione italiana di aeronautica e astronautica e membro di numerose associazioni scientifiche nazionali ed internazionali.

Presidentessa del comitato per le pari opportunità del Politecnico di Milano e delegato rettorale per le politiche di genere, è inoltre membro dell’Associazione Italiana Donne Ingegneri e Architetti, di cui è stata presidente nazionale.

ELLEN OCHOA

9

I LUOGHI

1958-

LOS ANGELES

LA PRIMA ATRONAUTA ISPANICA

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

Ellen Ochoa è stata la prima donna ispanica nello spazio ed è l'attuale direttore del Johnson Space Center della NASA a Houston, in Texas.

Ha studiato ingegneria elettrica alla Standford univerity conseguendo un master e un dottorato e nella sua carriera ha contribuito a creare diversi sistemi e metodi che sino stati premiati con brevetti, compresi sistemi ottici per il rilevamento di imperfezioni di uno schema ripetuto e per il riconoscimento di oggetti.


Ochoa è entrata a far parte della NASA nel 1988 come ingegnere ricercatore presso l'Ames Research Center e si è trasferita al Johnson Space Center nel 1990 quando è stata selezionata come astronauta. Ha prestato servizio nella missione STS-56 di nove giorni a bordo della navetta spaziale Discovery nel 1993. Ha volato nello spazio quattro volte, registrando quasi 1.000 ore in orbita.

Nel 2013 Ochoa è diventata direttore del Johnson Space Center a Houston, in Texas. Era la seconda donna a ricoprire la carica e la prima ispanica. Durante il suo mandato ha supervisionato in particolare il lavoro sull'Orion, che doveva viaggiare più lontano di altri veicoli spaziali con equipaggio , consentendo l'esplorazione umana di destinazioni come Marte.

marissa mayer

10

I LUOGHI

1975-

WAUSAU

LA PIONIERA DI GOOGLE

SUNNYVALE

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

Marissa Mayer è una dirigente d'azienda e ingegnere statunitense.

E' stata la prima ingegnere donna assunta da Google e una dei primi venti impiegati della compagnia .Ha supervisionato il layout della famosa home page di ricerca di Google. Faceva anche parte del team responsabile di Google AdWords , una piattaforma pubblicitaria che consente alle aziende di mostrare i propri prodotti a potenziali clienti pertinenti in base ai termini di ricerca.


È stata amministratrice delegata di Yahoo! dal 2012 al 2017. Dopo Yahoo, Mayer ha fondato l'incubatore tecnologico Sunshine. Sunshine ha l’obiettivo di creare tecnologie avanzate che semplificano le attività ordinarie, permettendo così di risparmiare tempo. Fa parte del consiglio di Walmart, a cui è entrata a far parte nel 2012.

È diventata famosa per la sua attenzione ai dettagli, che l'ha aiutata a ottenere una promozione a product manager,

e in seguito è diventata direttrice dei prodotti web di consumo.

FLASHCARDS

ADA BYRON

MARIE CURIE

KATHERINE JOHNSON

HEDY LAMARR

MARISSA MAYER

1815-1852

1867-1934

1918-2020

1914-2000

1975-

MATEMATICA

MATEMATICA

Spesso ricordata per la sua carriera d'attrice, ha lavorato alla realizzazione dei primi dispositivi di comunicazione wireless, sistemi alla base delle tecnologie Wi-Fi

INGEGNERA

FISICA E CHIMICA

Il suo contributo per la scienza è stato importantissimo grazie agli studi sulle radiazioni, premiati con i premi Nobel nel 1903 e nel 1911, grazie alle scoperte del radio e del polonio.

Ha lavorato nella Nasa, partecipando con i suoi calcoli nella riuscita di importanti missioni spaziali.

La sua storia è diventata un esempio anche nell'ambito della lotta alle discriminazioni.

INGEGNERA

E' stata la prima ingegnera assunta da Google, arrivando ad essere amministratrice delegata di Yahoo! dal 2012 al 2017. E' fondatrice di Sunshine, un'azienda focalizzata sullo studio dell'intelligenza artificiale

E' nota per aver dato un importante contributo per la creazione di un algoritmo sulla generazione dei numeri di Bernoulli e per la realizzazione del primo computer

la catena verde-rosa

GRAZIE PER L'ATTENZIONE!