Want to make creations as awesome as this one?

Transcript

Rinascita delle città

A partire dal X secolo la popolazione europea torna a crescere, aumenta la produzione agricola e riprendono i commerci.

unità didattica

LEARNING EXPERIENCE

Prof.ssa Sara Aschelter

Indice

indice

In questo capitolo guarderemo da vicino la situazione italiana nel Basso Medioevo e inquadreremo la nuova figura del mercante.

1. Italia al centro dei commerci

Contatti

Video

2. La città, centro di produzione scambio consumo

3. Mercato mondiale

4. Società di mercanti

Prof.ssa Sara Aschelter

1. L'Italia

l'italia al centro dei commerci

Sebbene il commercio di beni preziosi non si fosse mai interrotto, la novità dopo il Mille fu la ripresa del commercio delle merci grosse, chiamate così perché voluminose e pesanti (grano, sale, vino, legname, marmi, tessuti).

al centro dei commerci

Prof.ssa Sara Aschelter


l'italia al centro dei commerci

La prima a trarre vantaggio dalla ripresa dei commerci fu l'Italia. Posta al centro del Mediterraneo, faceva da ponte tra Oriente e Occidente. Alcune città italiane costiere si distinsero per la capacità di commerciare via mare.

Una città che anticipò i tempi fu Venezia: rimasta nei territori dell'Impero bizantino (con capitale Costantinopoli), aveva tenuto vivo il commercio nel mar Adriatico.

venezia, ponte tra oriente e occidente

Venezia era governata da un doge (dux= comandante). Durante il X secolo la sua attività commerciale divenne così importante per Costantinopoli, che l'imperatore concesse ai mercanti veneziani il permesso di costruire fondaci (= edificio che comprendeva magazzini per le merci e alloggi per i mercanti, collocato in porti e città straniere).

Nel 992, in cambio dell'aiuto nella guerra contro gli arabi, i mercanti veneziani ottennero il privilegio di pagare metà dei dazi in tutti i porti.

Prof.ssa Sara Aschelter

l'italia al centro dei commerci

Attorno all'anno Mille, Venezia era di fatto una città autonoma: aveva infatti conquistato le coste orientali dell'Adriatico come appoggio per i suoi commerci. Prese possesso anche di Corfù e di Creta, rafforzando la presenza in Oriente.

Inoltre, nonostante la Chiesa avesse proibito esplicitamente il commercio con gli infedeli, i mercanti veneziani si spingevano fino in Siria, in Egitto e nell'Africa settentrionale.
Importavano spezie, profumi e tessuti pregiati; esportavano legname, sale, tessuti e pellami. A ciò si aggiunga il commercio degli schiavi venduti nei mercati dell'Europa centrale.

la rete commerciale di venezia

Prof.ssa Sara Aschelter

l'italia al centro dei commerci

Oltre Venezia, le più importanti città marittime che seppero inserirsi nei commerci intercontinentali furono Pisa, Amalfi e Genova.

Queste si resero autonome: Pisa e Genova dall'Impero germanico; Amalfi da quello bizantino.
Insieme a Venezia costituivano le Repubbliche marinare, città autonome e indipendenti, rette da ordinamenti repubblicani che traevano potere e ricchezza dal commercio marittimo e dal controllo del mare.

Milano, invece, ricca di attività artigianali divenne uno snodo stradale di comunicazione con l'Europa settentrionale.
Firenze si specializzò nel credito e nella finanza, alle sue banche si rivolgeranno le corti d'Europa.

Le repubbliche marinare

Prof.ssa Sara Aschelter

Quiz

l'italia al centro dei commerci

Scegli la risposta corretta

l'italia al centro dei commerci

INIZIAMO!

Prof.ssa Sara Aschelter

l'italia al centro dei commerci

DOMANDA 1/5

L'aumento della popolazione...

diede nuovo impulso al commercio

bloccò i nuovi commerci

non cambiò nulla

Prof.ssa Sara Aschelter

l'italia al centro dei commerci

GIUSTO!

PROSSIMA DOMANDA

Prof.ssa Sara Aschelter

l'italia al centro dei commerci

DOMANDA 2/5

Nel X secolo Venezia...

era una repubblica autonoma.

era dipendente dallo Stato pontificio

era dipendente dall'Impero germanico

Prof.ssa Sara Aschelter

l'italia al centro dei commerci

GIUSTO!

PROSSIMA DOMANDA

Prof.ssa Sara Aschelter

l'italia al centro dei commerci

DOMANDA 3/5

Nonostante la Chiesa lo impedisse, Venezia era l'unica che...

commerciava con i musulmani

era comandata da un doge musulmano

non pagava alcuna tassa

Prof.ssa Sara Aschelter

l'italia al centro dei commerci

GIUSTO!

PROSSIMA DOMANDA

Prof.ssa Sara Aschelter

l'italia al centro dei commerci

DOMANDA 4/5

Nel Basso Medioevo, Firenze...

si specializzò in attività finanziarie

era una delle Repubbliche marinare

si specializzò nel commercio dei metalli

Prof.ssa Sara Aschelter

l'italia al centro dei commerci

GIUSTO!

PROSSIMA DOMANDA

Prof.ssa Sara Aschelter

l'italia al centro dei commerci

DOMANDA 5/5

Le Repubbliche marinare erano Genova, Venezia...

Pisa e Amalfi

Amalfi e Napoli

Pisa e Napoli

Prof.ssa Sara Aschelter

l'italia al centro dei commerci

GIUSTO!

VAI AI RISULTATI

Prof.ssa Sara Aschelter

L'ITALIA AL CENTRO DEI COMMERCI

+info

+info

0
corrette

1-2
corrette

3-4
corrette

+info

+info

5
corrette

PRINCIPIANTE

BASE

INTERMEDIO

AVANZATO

Prof.ssa Sara Aschelter

Madonne e Messeri, introducho a Vossignorie lo sommo conoscitor de cose humane

DURANTE DEGLI ALIGHIERI!

Ne sai così tanto che quasi sei uguale al Divin Poeta! Continua così!

Ci siamo! Ti sono chiari quasi tutti gli argomenti. Hai avuto solo qualche piccola incertezza che sono sicura supererai con un veloce ripasso.

Alcuni argomenti ti risultano chiari, altri meno. Appunta quali sono state le domande su cui hai avuto maggiori difficoltà e ripassa da lì! Tiene sotto gli occhi una mappa concettuale del capitolo.

Prova a rivedere le slide dall'inizio e a tenere sotto gli occhi una mappa concettuale.

2. La città

la città centro di produzione scambio consumo

Lo sviluppo agricolo, l'introduzione di nuovi strumenti e tecniche, aveva portato le campagne a produrre molti più beni di quanti non ne potessero consumare i contadini e i loro signori: le merci eccedenti furono messe in vendita e affluirono nei mercati delle città.

centro di produzione, scambio, consumo

Prof.ssa Sara Aschelter


la città centro di produzione scambio consumo

Le città con le loro botteghe artigiane e con le loro industrie divennero quindi centri di produzione specializzati e con i loro mercati furono un luogo fondamentale di scambio e consumo

Le città erano di solito situate nei punti di snodo delle vie di comunicazione o presso i porti marittimi. Per questo, erano i luoghi ideali dove far affluire materiali per la lavorazione (legnami e metalli) e impiantare industrie specializzate. Le industrie medievali erano piccole o medie fabbriche che davano lavoro a operai specializzati e a giovani apprendisti.

l'economia delle città

Prof.ssa Sara Aschelter

la città centro di produzione scambio consumo

La ripresa dei commerci riempì le città di nuove professioni: mercanti, banchieri, notai, giuristi. Oltre a essere dei professionisti, erano anche degli ottimi compratori: disponevano di un reddito elevato e richiedevano tessuti pregiati, armature, mobili e beni di consumo durevoli che solo la manodopera specializzata di botteghe e industrie cittadine era in grado di fornire.

nuove professioni

L'economia aperta delle città era basata sulla divisione del lavoro: la campagna nutriva la città e forniva materie prime agli artigiani che le lavoravano; la città offriva beni di consumo durevoli agli abitanti delle città.

Prof.ssa Sara Aschelter

la città centro di produzione scambio consumo

Le città tornarono a popolarsi. Quando gli antichi centri non furono più in grado di accogliere i nuovi cittadini provenienti dalle campagne, le città si estesero oltre le mura, dove sorsero nuove vie e nuove piazze con attività artigianali, mercantili e finanziarie.

Sorsero nuove città attorno a castelli e monasteri dove potevano rifornirsi signori e abati.

costruzione di nuovi borghi

+info

Prof.ssa Sara Aschelter

In molti casi non si verificò un'estensione della città antica, ma la costruzione di un nuovo centro accanto al vecchio. Molte città medievali risultarono così divise in due parti:

- CITTA' VECCHIA: gli abitanti della città vecchia erano chiamati cittadini come quelli dell'Impero romano;

- CITTA' NUOVA: veniva chiamata borgo (burgus) e gli abitanti erano detti borghesi.

Il borghese è quindi in origine l'abitante della città nuova, il borgo, che si oppone al cittadino della città vecchia. Il termine finì col tempo per indicare la classe sociale che si identificava nei valori del lavoro e di una ricchezza frutto dell'operosità e della propensione al rischio proprie delle attività del borgo.

la città centro di produzione scambio consumo

I borghesi (mercanti, artigiani, imprenditori, professionisti che abitavano il borgo) costituirono un nuovo gruppo sociale, la borghesia, che non trovava posto nella rigida ripartizione della società dei tradizionali tre ordini medievali.

la nuova virtù del lavoro

Il borghese non era un aristocratico, anche se spesso possedeva ricchezze maggiori dei nobili. Le sue fortune erano frutto del lavoro, attività che la nobiltà disprezzava. Era un uomo libero, portatore di nuovi valori: dedizione al lavoro e ricerca di guadagno. Tutti valori che si contrapponevano alle abitudini dell'aristocrazia feudale che viveva di ricchezze ereditate.

Prof.ssa Sara Aschelter


la città centro di produzione scambio consumo

Prof.ssa Sara Aschelter

Quiz

la città centro di produzione scambio consumo

Scegli la risposta corretta.

la città centro di produzione scambio consumo

INIZIAMO!

Prof.ssa Sara Aschelter

la città centro di produzione scambio consumo

DOMANDA 1/5

Le merci in eccedenza prodotte nelle campagne...

venivano vendute nei mercati cittadini

venivano tutte consumate dal signore

venivano tutte consumate dai contadini

Prof.ssa Sara Aschelter

la città centro di produzione scambio consumo

GIUSTO!

PROSSIMA DOMANDA

Prof.ssa Sara Aschelter

la città centro di produzione scambio consumo

DOMANDA 2/5

Nel Basso Medioevo, le città...

divennero centri di produzione, scambio, consumo

rimasero identiche a quelle passate

si spopolarono rapidamente

Prof.ssa Sara Aschelter

la città centro di produzione scambio consumo

GIUSTO!

PROSSIMA DOMANDA

Prof.ssa Sara Aschelter

la città centro di produzione scambio consumo

DOMANDA 3/5

Nel Basso Medioevo, tra città e campagna...

si creò uno scambio positivo di beni e prodotti

si ridussero molto i rapporti

cominciò una sanguinosa guerra

Prof.ssa Sara Aschelter

la città centro di produzione scambio consumo

GIUSTO!

PROSSIMA DOMANDA

Prof.ssa Sara Aschelter

la città centro di produzione scambio consumo

DOMANDA 4/5

Lo sviluppo delle città nel Basso Medioevo, avvenne...

spesso estendendo la città oltre le mura

spostando tutte le attività mercantili dentro la città

spostando tutte le abitazioni fuori dalle mura

Prof.ssa Sara Aschelter

la città centro di produzione scambio consumo

GIUSTO!

PROSSIMA DOMANDA

Prof.ssa Sara Aschelter

la città centro di produzione scambio consumo

DOMANDA 5/5

Gli abitanti del borgo erano definiti...

borghesi

aristocratici

contadini

Prof.ssa Sara Aschelter

la città centro di produzione scambio consumo

GIUSTO!

VAI AI RISULTATI

Prof.ssa Sara Aschelter

la città centro di produzione scambio consumo

+info

+info

0
corrette

1-2
corrette

3-4
corrette

+info

+info

5
corrette

PRINCIPIANTE

BASE

INTERMEDIO

AVANZATO

Prof.ssa Sara Aschelter

Madonne e Messeri, introducho a Vossignorie lo sommo conoscitor de cose humane

DURANTE DEGLI ALIGHIERI!

Ne sai così tanto che quasi sei uguale al Divin Poeta! Continua così!

Ci siamo! Ti sono chiari quasi tutti gli argomenti. Hai avuto solo qualche piccola incertezza che sono sicura supererai con un veloce ripasso.

Alcuni argomenti ti risultano chiari, altri meno. Appunta quali sono state le domande su cui hai avuto maggiori difficoltà e ripassa da lì! Tiene sotto gli occhi una mappa concettuale del capitolo.

Prova a rivedere le slide dall'inizio e a tenere sotto gli occhi una mappa concettuale.

3. Mercato mondiale

mercato mondiale e traffici europei

I mercati delle Repubbliche marinare erano solo una piccola porzione di una rete di commerci molto ampia, della quale gli arabi erano i principali controllori.

mercato mondiale e traffici europei

Prof.ssa Sara Aschelter


mercato mondiale e traffici europei

Tra X e XI secolo si svilupparono due grandi bacini di traffico:


MEDITERRANEO;

MARE DEL NORD E MAR BALTICO

Due mediterranei

+info

Prof.ssa Sara Aschelter

MEDITERRANEO: diviso in tre aree

1) Impero bizantino;

2) Califfati musulmani;

3) Occidente cristiano.

Le tre aree vennero unificate attraverso un'intensa rete di rotte marittime da Amalfi e Venezia.


MARE DEL NORD E MAR BALTICO: definito "secondo Mediterraneo" era il mercato di olandesi e tedeschi.

4. Società di mercanti

società di mercanti

Le nuove figure professionali incontrarono dapprima la diffidenza della Chiesa e dei cristiani. D'altronde, il mercante si arricchiva non attraverso la produzione, ma maggiorando i prezzi di ciò che veniva prodotto da altri; l'usuraio guadagnava denaro dal denaro, soprattutto grazie agli interessi che maturavano i prestiti.

mercato mondiale e traffici europei

Prof.ssa Sara Aschelter

società di mercanti

Egli investiva del denaro per comprare delle merci che poi rivendeva maggiorandone il prezzo;il suo guadagno non nasceva quindi da un lavoro produttivo, come quello del contadino e dell’artigiano, ma semplicemente dallo scambio di merci e denaro.

mercante

L’attività dell’usuraio consisteva infatti nel prestare denaro per vederselo restituito, dopo un certo periodo di tempo, maggiorato di una quota di interesse.

usuraio

Prof.ssa Sara Aschelter

società di mercanti

Ma perché un fatto che noi oggi consideriamo ovvio, cioè guadagnare denaro dal denaro, suscitava allora sospetto e diffidenza?

La Chiesa dei primi secoli aveva elaborato una teoria seconda la quale il denaro, strumento utile per gli scambi, doveva essere frutto di un lavoro produttivo. Da questo, derivava l'idea che l'usuraio faceva nascere denaro dal denaro, azione che appariva contraria alla natura. La condanna dell'usura fu assoluta e radicale nell'Alto Medioevo, considerata ingiusta e peccaminosa.

A partire dall'XI secolo, però, divennero figure sempre più essenziali in una società che si andava espandendo proprio grazie alle loro attività. La Chiesa dovette dunque rivedere la sua posizione sul denaro.

Prof.ssa Sara Aschelter

società di mercanti

Proprio in quel periodo si affermò la credenza che esistesse nell’aldilà, oltre al paradiso e all’inferno, un altro luogo intermedio, il purgatorio, dove le anime potevano scontare le proprie colpe attraverso un periodo di penitenza.

Questo consentì alla chiesa di mitigare la sua condanna e di aprire sia al mercante sia all’usuraio la possibilità di salvarsi, a patto che in vita si fossero pentiti e avessero restituito il denaro guadagnato illecitamente.

la nascita del purgatorio

+info

Prof.ssa Sara Aschelter

Secondo la religione cristiana, le anime dopo la morte si trasferiscono in un mondo dell'aldilà in cui si distinguono tre parti: paradiso, inferno e purgatorio, dove le anime colpevoli di peccati meno gravi subiscono un tormento temporaneo prima di entrare in paradiso. Il tempo di soggiorno in purgatorio poteva essere accorciato dalle preghiere dei propri cari ancora in vita.

società di mercanti

Quando principi, conti, duchi, marchesi e vescovi compresero l'importanza del commercio per lo sviluppo dei propri territori, decisero di attirare i mercanti nelle città con ogni mezzo.

Il principale fu la diffusione delle fiere, istituite per volere del signore locale, che si impegnava a proteggere merci e mercanti.

La diffusione delle fiere

FIERA: il convegno di venditori e compratori per lo scambio delle merci. A differenza del mercato, durava diversi giorni e vi si potevano scambiare merci all'ingrosso. Il mercato, infatti, si teneva di solito a cadenza settimanale, mentre la fiera era annuale e raccoglieva mercanti che giungevano anche da luoghi molto lontani.

Prof.ssa Sara Aschelter

società di mercanti

A partire dall'XI secolo la moneta tornò a essere un normale e comune mezzo di scambio. Ogni Stato, piccolo o grande, ogni contea, ogni città autonoma importante ottennero il privilegio di coniare le proprie monete aprendo una zecca.

Riprese dunque la circolazione di monete d'argento e di bronzo.

la moneta come mezzo di scambio

Bisognerà aspettare il fiorino (Firenze, 1252) per avere una moneta d'oro universalmente accettata. Qualche tempo dopo, nel 1284 a Venezia, venne coniato lo zecchino, a sua volta d'oro.

La grande varietà di monete costrinse i mercanti, che viaggiavano di città in città, di disporre di un servizio che cambiasse le monete della sua città con quelle che venivano da altre parti d'Europa.

Prof.ssa Sara Aschelter

società di mercanti

L'esigenza dei mercanti di cambiare moneta fece sì che nelle fiere e nei mercati comparisse una nuova figura professionale: i cambiavlute che sul banco compivano operazioni di cambio.

Il mercante che doveva partire per un lungo viaggio d'affari depositava presso il banco della sua città una certa somma; in cambio, il banco gli rilasciava una lettera di credito.

lettera di credito

Con la lettera di credito il mercante poteva poi prelevare presso un'altra città il denaro corrispondente. Questo servizio prese il nome di conto corrente.

Prof.ssa Sara Aschelter

Quiz

società di mercanti

Scegli la risposta corretta.

società di mercanti

INIZIAMO!

Prof.ssa Sara Aschelter

società di mercanti

DOMANDA 1/5

La figura del mercante...

era condannata all'inizio dalla Chiesa

era ben vista dalla Chiesa

e la figura dell'esuraio erano la stessa cosa

Prof.ssa Sara Aschelter

società di mercanti

GIUSTO!

VAI AI RISULTATI

Prof.ssa Sara Aschelter

società di mercanti

DOMANDA 2/5

Con l'introduzione del Purgatorio...

anche gli usurai possono essere salvati

non cambiò nulla per gli usurai

Solo gli usurai e non i mercanti potevano salvarsi

Prof.ssa Sara Aschelter

società di mercanti

GIUSTO!

VAI AI RISULTATI

Prof.ssa Sara Aschelter

società di mercanti

DOMANDA 3/5

La fiera era...

un grande mercato con cadenza annuale

il luogo dove vivevano i borghesi

il comune mercato fuori dalla città

Prof.ssa Sara Aschelter

società di mercanti

GIUSTO!

VAI AI RISULTATI

Prof.ssa Sara Aschelter

società di mercanti

DOMANDA 4/5

Con la ripresa dei commerci...

ricominciò a circolare anche la moneta

venne realizzata un'unica comune moneta europea

si continuò a utilizzare il baratto

Prof.ssa Sara Aschelter

società di mercanti

GIUSTO!

VAI AI RISULTATI

Prof.ssa Sara Aschelter

società di mercanti

DOMANDA 5/5

Le lettere di credito...

permettevano di prelevare denaro in altre città

erano una raccomandazione presso il signore

erano l'equivalente dei nostri moderni scontrini

Prof.ssa Sara Aschelter

società di mercanti

GIUSTO!

VAI AI RISULTATI

Prof.ssa Sara Aschelter

società di mercanti

+info

+info

0
corrette

1-2
corrette

3-4
corrette

+info

+info

5
corrette

PRINCIPIANTE

BASE

INTERMEDIO

AVANZATO

Prof.ssa Sara Aschelter

Madonne e Messeri, introducho a Vossignorie lo sommo conoscitor de cose humane

DURANTE DEGLI ALIGHIERI!

Ne sai così tanto che quasi sei uguale al Divin Poeta! Continua così!

Ci siamo! Ti sono chiari quasi tutti gli argomenti. Hai avuto solo qualche piccola incertezza che sono sicura supererai con un veloce ripasso.

Alcuni argomenti ti risultano chiari, altri meno. Appunta quali sono state le domande su cui hai avuto maggiori difficoltà e ripassa da lì! Tiene sotto gli occhi una mappa concettuale del capitolo.

Prova a rivedere le slide dall'inizio e a tenere sotto gli occhi una mappa concettuale.

il basso medioevo e i suoi cambiamenti

Ripasso sul Basso Medioevo realizzato da Lattes Editori.

VIDEO

Prof.ssa Sara Aschelter

Buono studio!

per aspera ad astra

la rinascita delle città e dei commerci

Prof.ssa Sara Aschelter

profaschelter@gmail.com