Want to make creations as awesome as this one?

Transcript

L'IMPORTANZA DEL
NOME

Guarda
il video di Uzoamaka

Attrice e doppiatrice statunitense di origini nigeriane, è laureata all’Università di Boston e nella sua carriera ha vinto due Emmy

Uzoamaka Nwanneka Aduba

e cinque Screen Actors Awards.

Screen Award

Importante riconoscimento assegnato da un’associazione di attori per le migliori interpretazioni degli attori membri della stessa associazione.

Emmy

Emmy

Il Premio Oscar della televisione


Come dice la madre di Uzoamaka, se impariamo a pronunciare Shostakovich o Angelopoulos o Murakami possiamo sforzarci di imparare qualsiasi nome e dare dignità e forza alle persone che lo portano.

Shostakovich

Dmitri Shostakovich

(25 Settembre 1906 – 9 Agosto 1975)

È stato un compositore e pianista russo. È considerato uno dei più grandi compositori del ventesimo secolo per il linguaggio armonico che caratterizzò tutti i suoi lavori.

Angelopoulos

Theodōros Angelopoulos

(27 aprile 1935 - 24 gennaio 2012)

È stato uno sceneggiatore, regista e produttore cinematografico greco che ha ottenuto premi e riconoscimenti

internazionali per le sue opere.

Murakami

Takashi Murakami

(1 febbraio 1962 )

È un artista, scultore e pittore giapponese. Uno degli artisti più noti nel panorama internazionale, nel 2008 la rivista Time lo ha definito il più influente rappresentante della cultura giapponese contemporanea. Le sue opere, sono icone monumentali della cultura e della società del Giappone di oggi.

Il nome è importante, perché fa parte di noi, della nostra storia e della storia della nostra famiglia.

Privare le persone del proprio nome, cambiarlo o storpiarlo per disprezzo o ignoranza significa non rispettarne l’identità e cancellarne la storia.

Gli schiavi comprati in Sud Africa dagli europei erano di frequente chiamati con il mese in cui erano stati venduti all’asta: Gennaio, Febbraio, Marzo…

Negli Stati Uniti gli schiavi erano proprietà del padrone e non potevano sposarsi tra loro, registrare il matrimonio e cambiare cognome. Spesso gli veniva dato il cognome del padrone, non perché facessero parte della famiglia, ma per indicare che erano “proprietà” di quella determinata persona.

Sud Africa

A Città del Capo è possibile visitare il museo “Slave Lodge”, uno dei pochissimi musei al mondo dedicati alla schiavitù. L’edificio, costruito nel 1679, ricorda le migliaia di uomini e donne che vivevano lì in attesa di essere venduti all’asta.

Stati Uniti

La schiavitù negli Stati Uniti d'America fu istituita nel 1776, ed è rimasta in vigore fino al 1865.

Le leggi razziali della Germania nazista stabilirono che tutti gli uomini adottassero il nome “Israel” e tutte le donne “Sarah”.

leggi razziali

Leggi razziali

Le leggi razziali naziste furono un insieme di provvedimenti finalizzati al mantenimento della purezza della razza tedesca. Sono state emesse nella Germania nazista durante gli anni 30’ del XX secolo .

L’attivista afroamericano Malcom Little ha deciso di cambiare il suo cognome in X perché l'origine del cognome di nascita era riconducibile ai padroni presso cui avevano servito un tempo i suoi antenati.

Con la scelta della X, volle ribadire il rifiuto di accettare ogni tipo di legame con il passato schiavista che aveva dovuto subire la sua famiglia

Malcom Little

Malcolm X

Malcom X è stato un leader religioso e attivista per i diritti umani, fu ucciso Il 21 febbraio del 1965 con ventuno colpi d’arma da fuoco, mentre teneva un discorso davanti a quattrocento persone in un hotel di New York.

Si può essere discriminati per
il proprio nome?

Nella vita quotidiana le persone con un nome straniero, per ignoranza o a causa di pregiudizi ancora radicati nelle nostre società, possono essere oggetto di discriminazione.

Ad esempio avere un nome straniero può fare la differenza quando cerchi un lavoro.

Per questo, a volte, le persone per non sentirsi discriminate cambiano il proprio nome, rendendolo più “semplice” da pronunciare.

Leggi cosa hanno detto

i professori del MIT

Secondo un recente studio condotto nel 2003 da due professori dell'Università di Chicago e del Massachusetts Institute of Technology (MIT), il nome è estremamente importante quando si risponde ad una richiesta di lavoro.

Per dimostrare che negli Stati Uniti i datori di lavoro discriminano sistematicamente i candidati con nomi comuni afroamericani, i ricercatori del MIT hanno inventato dei curriculum finti ma realistici. I falsi candidati avevano tutti esperienza e istruzione appropriate per le richieste di lavoro, ma alcuni dei loro nomi erano anglosassoni, altri tipicamente afroamericani. I professori hanno quindi inviato quasi 5.000 curriculum per 1.300 offerte di lavoro pubblicizzate sui giornali e sui siti di lavoro online di Chicago e Boston.

Alla fine, hanno rintracciato quali dei loro candidati erano stati chiamati per i colloqui di lavoro. I candidati con nomi tipicamente anglosassoni che erano stati contattati erano molti di più rispetto a quelli con nomi tipicamente afroamericani.
Terminato l’esperimento, i due docenti hanno affermato:

“Credo che il nostro studio mostri chiaramente che quando i datori di lavoro o i responsabili delle risorse umane vedono un nome che potrebbe indicare la razza o almeno la classe sociale dei candidati, sembrano reagire negativamente.”
“Considerati tutti i dati dell’esperimento, riteniamo che si possa affermare che i datori di lavoro trattano i candidati con nomi che sembrano afroamericani in modo molto diverso”.

Ci alleniamo insieme imparando a pronunciare
i nomi di alcune persone che hanno dato un importante contributo all’umanità?

È stata la prima donna a ottenere una posizione come professoressa presso un'università europea, in Svezia.

Sofia Kovalévskaya (1850-1891)

Premio Nobel per la Fisica nel 1930.

Nel 1928 scoprì che un raggio di luce di una certa lunghezza d’onda che attraversa un materiale può uscirne con una lunghezza d’onda diversa. Ancora oggi “l’effetto Raman” è conosciuto dai fisici di tutto il mondo, e infatti il Nobel gli fu conferito “per il suo lavoro sulla diffusione della luce e la scoperta dell’effetto che porta il suo nome”.

Nobel

Premio Nobel

Il premio Nobel è un'onorificenza di valore mondiale attribuita annualmente a personalità viventi che si sono distinte nei diversi campi del sapere umano, apportando «i maggiori benefici all'umanità» per le loro ricerche, scoperte e invenzioni, per l'opera letteraria, per l'impegno in favore della pace mondiale.

Chandrasekhara Venkata Raman

È una scrittrice nigeriana nata nel 1977.

Nel 2005 ha vinto il Commonwealth Writers' Prize per la categoria "First Best Book" con il libro L'ibisco viola; nel 2009 ha ricevuto in Italia il premio internazionale Nonino per Metà di un sole giallo. Nei suoi romanzi e racconti parla di diritti delle donne, delle differenze tra i generi e dell’educazione riservata alle bambine.

Chimamanda Ngozi Adichie

Commonwealth Writers' Prize

Il Commonwealth Writers' Prize

Il Commonwealth Writers' Prize è un riconoscimento letterario istituito nel 1987 che assegna premi

per il miglior libro e per il miglior esordio a scrittori provenienti da 4 diverse macro regioni: Africa; Canada e Caraibi, Europa e Asia meridionale; Sud-est asiatico e Pacifico del Sud

premio internazionale Nonino

Il Premio Nonino

Il Premio Nonino è un riconoscimento internazionale in ambito culturale, letterario ed enogastronomico, che ha come scopo: la "valorizzazione della civiltà contadina". Dalla sua istituzione, nel 1975, è organizzato e gestito dalla famiglia Nonino, a Percoto, nel comune di Pavia di Udine.