Want to make creations as awesome as this one?

Transcript

Anni '60:

un periodo straordinario per la musica

La magia delle cover:


I grandi successi anglo-americani tradotti in italiano

1

Il Volto della vita

Caterina Caselli

Con il corpo sono qui

ma la mente mia non c’è
corre dietro a dei ricordi
e chi la ferma più
I miei occhi sono chiusi
ma ci vedo molto bene
son davanti ad una casa
entro e vedo te
Il volto della vita
il volto dell’amore
Rose rosse alle pareti
giochi d’ombra sul tuo viso
come rami le mie braccia
si apron verso te
ed ancora la mia mente
non è stanca di vagare
e mi porta lungo il fiume
ed in fondo vedo te
Il volto della vita
il volto dell’amore

Days of Pearly Spencer

David McWilliams

A tenement, a dirty street

Walked and worn by shoe less feet
Inside it's long and so complete
Watched by shivering sun
Old eyes in a small child's face
Watching as the shadows race
Trough walls and cracks and leave no trace
And daylight's brightness shuns
The days of Pearly Spencer
The race is almost run
Nose pressed hard on frosted glass
Gazing as the swollen mass
On concrete fields where grows no grass
Stumbles blindly on
Iron trees smother the air
But withering they stand and stare
Trough eyes that neither know nor care
Where the grass is gone
The days of Pearly Spencer
The race is almost run

  • Dall'inglese all'italiano
  • A volte dal francese
  • Caterina Caselli, Patty Pravo, Dik Dik
  • Camaleonti, Gianni Morandi
  • A volte dall'italiano al francese o inglese (Umberto Tozzi)

Le cover degli anni '60

Quando negli anni venti l'industria discografica era agli albori anche l'aspetto promozionale non era molto sviluppato, e l'acquirente-tipo spesso era una persona matura, interessata ad acquistare dischi contenenti determinate canzoni, senza particolari preferenze per chi ne fosse interprete.

La casa discografica doveva perciò "coprire" o "includere" (to cover in inglese) la canzone. Negli anni trenta, durante la swing era, artisti come Glenn Miller cominciarono ad avere enorme successo radiofonico e l'età del pubblico diminuì gradualmente.



Le case discografiche continuavano comunque a concentrarsi più sul brano di successo che sull'interprete o autore.

Negli anni cinquanta, agli albori del rock and roll molti brani di successo delle prime star di colore furono reinterpretate in versioni più leggere, in modo da essere più vendibili e fare da ponte (to cross over) tra il pubblico giovanile e quello più conservatore dei genitori e delle emittenti radiofoniche.


Cover.

La storia

Molto spesso le versioni originali erano state realizzate da artisti di colore e non sarebbero state trasmesse da molte radio americane.

Venivano quindi realizzate versioni edulcorate dei brani, cantate da cantanti bianchi, che spesso ottenevano grande successo, oscurando (e "coprendo") le versioni originali.

Questi rifacimenti venivano chiamati cross cover version. Da allora, particolarmente in ambito pop e rock, il termine cover si è diffuso ed ha assunto il suo attuale significato comune.

Negli anni sessanta esistevano fondamentalmente due approcci diversi alle cover: Il primo consisteva nel presentare una versione italiana di un brano di un autore od un gruppo famoso già noto all'estero: questa era spesso la via per un successo sicuro.

Il secondo era proporre come nuovo qualche brano poco noto recuperato nel vasto repertorio anglosassone. Alcuni gruppi facevano largo uso di questo approccio (ad esempio i Corvi o i Dik Dik).

Paint it Black

The Rolling Stones

Tutto nero

Caterina Caselli

Di notte il cielo senza stelle è tutto nero.
Così il mio cuore fino all'ultimo pensiero.
Non ha più colore la mia vita senza di te.
C'è un'eterna notte disperata dentro di me.
Son nere le pareti bianche della stanza,
Dov'è la luce che fa bella l'esistenza.
Chi mi viene incontro per le strade guarda e non sa
Che per il mio sguardo anche il sole nero sarà
E come un bimbo appena nato cerca il mondo,
Io cerco il bene che ho perduto e sto piangendo.
Affrontar la vita, se mi manchi, come farò
Se la bianca aurora del mattino nera vedrò
L'inchiostro nero è diventato verde mare
Da quando so che non potrai piu' ritornare.
Ogni giorno l'ora del tramonto sempre sarà
Il mio mondo è nero com'è nera l'oscurità
Di notte il cielo senza stelle è tutto nero.
Così il mio cuore fino all'ultimo pensiero.
Non ha più colore la mia vita senza di te.
C'è un'eterna notte disperata dentro di me.
E come un bimbo appena nato cerca il mondo,
Io cerco il bene che ho perduto e sto piangendo.

Scende la pioggia

Gianni Morandi

Tu nel tuo letto caldo, io per le strade al freddo

Ma non è questo che mi fa triste
Qui fuori dai tuoi sogni l'amore sta morendo
Ognuno pensa solo a se stesso
Scende la pioggia, ma che fa
Crolla il mondo addosso a me
Per amore sto morendo
Amo la vita più che mai
Appartiene solo a me
Voglio viverla per questo
E basta con i sogni, ora sei tu che dormi
Ora il dolore io lo conosco
Quello che mi dispiace
è quel che imparo adesso
Ognuno pensa solo a se stesso
Scende la pioggia, ma che fa
Crolla il mondo addosso a me
Per amore sto morendo
Amo la vita più che mai
Appartiene solo a me
Voglio viverla per questo
Scende la pioggia, ma che fa
Amo la vita più che mai

Elenore

The Turtles

You got a thing about you

I just can't live without you
I really want you Elenore near me
Your looks intoxicate me
Even though your folks hate me
There's no one like you Elenore really
Elenore gee I think you're swell
And you really do me well
You're my pride and joy et cetera
Elenore can I take the time
To ask you to speak your mind
Tell me that you love me better

I really think you're groovy
Let's go out to a movie
What do ya say now, Elenore can we?
They'll turn the lights way down low
Maybe we won't watch the show
I think I love you, Elenore, love me
Elenore, gee I think you're swell


Gloria
Manchi tu nell'aria
Manchi ad una mano
Che lavora piano
Manchi a questa bocca
Che cibo più non tocca
E sempre questa storia
Che lei la chiamo Gloria
Gloria sui tuoi fianchi
la mattina nasce il sole
Entra odio ed esce amore
dal nome Gloria
Gloria
Manchi tu nell'aria
Manchi come il sale
Manchi più del sole
Sciogli questa neve
Che soffoca il mio petto
T'aspetto Gloria
Gloria (Gloria)
Chiesa di campagna (Gloria)
Acqua nel deserto (Gloria)
Lascio aperto il cuore (Gloria)
Scappa senza far rumore
Dal lavoro del tuo letto
Dai gradini di un altare
Ti aspetto Gloria

Umberto Tozzi
Gloria

Laura Branigan

Gloria

Gloria, you're always on the run now

Running after somebody,
you gotta get him somehow
I think you've got to slow down
before you start to blow it
I think you're headed for a breakdown,
so be careful not to show it
You really don't remember,
was it something that he said?
Are the voices in your head calling, Gloria?
Gloria, don't you think you're fallin'?
If everybody wants you,
why isn't anybody callin'?
You don't have to answer
Leave them hangin' on the line,
oh-oh-oh, calling Gloria Gloria (Gloria),
I think they got your number (Gloria)
I think they got the alias (Gloria)
that you've been living under (Gloria)
But you really don't remember,
was it something that they said?
Are the voices in your head
calling, Gloria?
A-ha-ha, a-ha-ha, Gloria,
how's it gonna go down?
Will you meet him on the main line,
or will you catch him on the rebound?
Will you marry for the money,
take a lover in the afternoon?

Gloria

Umberto Tozzi

Gloria, faltas en el aire,

falta tu presencia,
cálida inocencia;
faltas en mi boca
que sin querer te nombra,
y escribiré mi historia
con la palabra Gloria.
Porque aquí a tu lado
la mañana se ilumina,
la verdad y la mentira
se llaman Gloria.
Gloria, faltas en el aire,
faltas en el cielo,
quémame en tu fuego,
fúndeme en la nieve
que congela mi pecho,
te espero, Gloria.
Gloria (Gloria), campo de sonrisas,
agua en el desierto,
corazón abierto.
Aventura de mi mente,
de mi mesa y de mi lecho,
del jardín de mi presente,
te espero, Gloria.
Ah, ah, ah... Gloria,
por quien espera el día,
y mientras todos duermen
con la memoria inventa aroma