Want to make creations as awesome as this one?

Un adattamento del libro "Il Principe Schiaccianoci" di Hoffmann con le musiche di Caicovskij adatto a tutti i bambini della scuola primaria.

Transcript

Lo Schiaccianoci

Piotr Il’ic Cajkovskij – E.T.A. Hoffmann

Era la Vigilia di Natale e Clara stava fissando dalla finestra del piano di sotto. Si stava facendo buio, ma poteva ancora vedere la neve fuori. Aveva nevicato tutto il giorno, e ora le foreste e le colline erano coperte da una spessa coltre bianca.

«OUVERTURE»

La vigilia di Natale

Si voltò sorridendo e osservò mentre tutti gli invitati alla festa danzavano e si mescolavano intorno a lei. L'allegria natalizia riempì la grande casa e si ritrovò a muoversi al suono della musica. L'odore di pino e cannella le passò oltre il naso e scrutò verso l'enorme albero di Natale. In fondo c'erano dozzine di regali avvolti in carta scintillante e nastri. Clara provò un brivido di eccitazione. "Sarà qui presto", sussurrò a se stessa, voltandosi di nuovo verso la finestra.

«La decorazione dell’albero di Natale» (Atto primo scena prima)

Lo zio Drosselmeyer

Proprio in quel momento, si senti bussare alla porta e Clara si precipitò ad aprirla. In piedi sulla soglia c'era un uomo dall'aria misteriosa nascosto dietro un mantello nero."Clara!" gridò lo strano uomo."Zio!" Strillò Clara, gettandogli le braccia al collo. "Sei venuto!""Certo che l'ho fatto", disse l'uomo. "È la vigilia di Natale! Non me la perderei per niente al mondo! "

Prima che potesse aggiungere altro, il fratello di Clara, Fritz, apparve dal nulla. "Zio Drosselmeyer! Mi hai fatto un regalo?" "Fritz! Non essere così scortese! " Disse Clara, rimproverando suo fratello. "Va tutto bene," rise lo zio di Clara, togliendosi il cappotto. «Ho un regalo per ognuno di voi." Clara e Fritz guardarono con impazienza lo zio che porgeva due regali splendidamente decorati da dietro la schiena. "Buon Natale", disse. Fritz si precipitò via senza nemmeno un ringraziamento, ma Clara rimase a fissare l'eccitante regalo avvolto in argento. "Oh, zio", sorrise, "cosa può essere?" «Qualcosa di piuttosto speciale», sussurrò, «per una nipote piuttosto speciale. Perché non lo apri? "Clara strappò in fretta la carta del suo regalo e trovò… quattro bambole! «Sembrano vere!» disse Clara. QUANDO LE POSO' A TERRA, ECCO CHE INIZIARONO A DANZARE…

«La marcia» (Atto primo scena prima)

Lo zio aveva anche un altro regalo da consegnare: era uno schiaccianoci di legno con un'uniforme da soldato, i pantaloni rossi e una giacca verde. I suoi stivali erano neri lucidi e portava un cappello in testa.Clara alzò lo sguardo su suo zio: "Grazie!" disse, e gli diede un enorme abbraccio.

Poco dopo, Clara stava giocando con il suo nuovo schiaccianoci vicino all'albero di Natale."Cos'è quello?" disse Fritz, sbirciando da sopra la spalla della sorella."È uno schiaccianoci", rispose Clara. "Non è meraviglioso?"Fritz si chinò in avanti e strappò via il regalo di Clara. "Cosa c'è di così meraviglioso in questo stupido giocattolo?" sogghignò."Hey!" Gridò Clara. "Restituiscilo!" Saltò in piedi e afferrò lo schiaccianoci."Perché dovrei?" Fritz ridacchiò. Tirò forte e lo schiaccianoci cadde a terra con uno schianto!"No!" Gridò Clara, cadendo in ginocchio. Cullò il soldato distrutto tra le braccia e pianse.

«Consegna dello schiaccianoci a Clara» (Atto primo scena prima)

"Qual è il problema?" disse una voce profonda e calmante. Clara alzò lo sguardo. Fritz era scappato e al suo posto c'era suo zio. "È ferito," singhiozzò Clara, porgendogli lo schiaccianoci. Lo zio annuì, facendo rotolare il giocattolo tra le mani. "Ora, fammi vedere ..." Voltò le spalle a Clara e fece qualcosa allo schiaccianoci che lei non poteva vedere. Poi si voltò di nuovo e restituì il giocattolo«Ora sta meglio?» disse Clara. «Non ancora» disse lo zio. «Mettilo accanto all’albero di Natale e lascialo lì fino a domani mattina».

Quella notte, Clara non riuscì a prendere sonno. Continuava a pensare al suo schiaccianoci. Dopo un sacco di girarsi e rigirarsi nel letto, decise di scendere le scale e controllare se stesse bene.Era lì, proprio come lo aveva lasciato Clara, sdraiato sotto l'albero. Lo abbracciò, lo rimise a posto e si rannicchiò sul divano. Ben presto si addormentò profondamente.

E’ mezzanotte!

Clara si svegliò al suono dell'orologio del nonno. Era mezzanotte! Si guardò intorno mentre la luce delle candele illuminava ombre color ambra nella grande sala. Fuori poteva vedere la neve cadere dolcemente. Tutto era tranquillo e silenzioso.

Cosa stava succedendo?

All'improvviso, si sentì piuttosto strana. La stanza cominciò a girare e un forte rumore iniziò a graffiare le pareti!L'albero di Natale iniziò a crescere e così anche il divano! Clara si sentiva davvero stordita. Quando guardò in alto, tutto era molto più grande di prima. Poi si rese conto di quello che era successo. Le cose non erano più grandi: era diventata più piccola lei! Clara rivolse lo sguardo ai regali vicino all'albero di Natale. Là, alto quanto lei, c'era lo schiaccianoci.

Siamo in pericolo!

"Buonasera, Clara," disse lo schiaccianoci."Whaaaa!" Strillò Clara, facendo un salto indietro."Per favore, non aver paura", disse il soldato dall'aria orgogliosa. "Sono qui per salvarti.""S... salvami?" Clara rimase a bocca aperta. "Da chi?""Da loro!" gridò lo schiaccianoci, sguainando la spada.

L’esercito dei topi

All'improvviso, un esercito di topi da cucina balzò fuori dai buchi nei muri."Ahhhh!" strillò Clara, mentre i topi correvano verso di loro con occhi dall'aria malvagia."Stai indietro", ordinò lo schiaccianoci e fischiò. Dietro di loro, una truppa di soldati si precipitò in avanti con fucili e cannoni. Spararono contro i topi pezzi di formaggio vecchio e frutta marcia e cominciarono a colpirli con le loro spade.Iniziò così un'incredibile battaglia. Clara si nascose sotto l'albero di Natale e guardò i soldati respingere i topi.

«La battaglia» (Atto primo scena seconda)

Il Re dei topi

Poi sentì un ringhio da dietro di lei. Si voltò e vide due occhi rossi che brillavano nell'oscurità. "Tu chi sei?" Piagnucolò Clara.Un enorme roditore uscì dall'ombra. "Io sono il Re dei topi," ringhiò la creatura, e si lanciò su Clara con la sua spada.

"Ahhhh!" strillò Clara, mentre i topi correvano verso di loro con un clangore di spade diabolico! Dal nulla, la spada dello schiaccianoci si scontrò con quella del Re dei topi, salvando Clara appena in tempo. "Stai dietro di me!" urlò. Clara fece come aveva detto e guardò il Re Topo caricare di nuovo in avanti. Lo Schiaccianoci era un eccellente spadaccino, ma lo era anche il re dei topi! Il malvagio roditore, con un colpo secco di spada, disarmò il povero Schiaccianoci.

"No!" urlò Clara, vedendo che il suo eroe era ormai indifeso. Il Re dei topi corse avanti con la spada alzata. Clara doveva agire in fretta. Senza pensare, si tolse la ciabatta e la lanciò al topo malvagio, colpendolo proprio in testa.Il re dei topi cadde schiantandosi a terra. All'improvviso, gli altri topi smisero di combattere. Vedendo che il loro capo era ormai sconfitto, fuggirono via."Evviva!" applaudirono i soldati. "Ci hai salvati!""L'ho fatto davvero?" Disse Clara."S... sì..." borbottò lo Schiaccianoci. Sembrava stesse soffrendo. Si strinse il fianco e cadde a terra."Schiaccianociiii!" gridò Clara.

Il Principe Schiaccianoci

Proprio in quel momento, uno strano rumore riempì l'aria e lo zio di Clara apparve dal nulla."Zio?" ansimò."Ciao, Clara," disse con una voce calma e profonda. "Sembra che il tuo schiaccianoci non si sia riparato del tutto. Ora, fammi vedere...» Si voltò e si chinò sullo schiaccianoci come l'ultima volta. Quando si alzò, il soldatino stava di nuovo meglio. Solo che questa volta c'era qualcosa di diverso in lui. "Clara," sorrise suo zio, "lascia che ti presenti ... il Principe Schiaccianoci!"

Il paese dei dolci

"Il Principe Schiaccianoci?" Disse Clara."Al tuo servizio", si inchinò il principe. "Permettimi di ringraziarti per avermi salvato." Tese la mano e condusse Clara su una slitta dietro l'albero di Natale. "Siediti," disse il principe. Una renna magica li trascinò attraverso la casa e fuori da una finestra aperta. Prima che se ne rendesse conto, Clara stava volando nel cielo notturno in mezzo a tutta la neve che cadeva e le stelle scintillanti. Alla guida della slitta lo zio Drosselmayer. "Yippeeee!" ridacchiò. "Dove stiamo andando?"«Al paese dei dolci!" Il principe rise.

«Il castello magico sulla montagna dei dolciumi» (Atto secondo scena prima)

La Regina del ghiaccio!

Durante il viaggio, si fermarono in una pineta innevata per visitare la regina del ghiaccio. La Regina era così entusiasta di vedere Clara e il Principe Schiaccianoci, che organizzò un gran ballo, pieno di ballerine con fiocchi di neve e musica meravigliosa. Le ballerine erano vestite con bellissimi abiti d'argento. Clara adorava guardarle volteggiare nella sala da ballo del Palazzo del Ghiaccio.

Presto giunse il momento di partire e ancora una volta Clara si ritrovò a volare nel cielo sulla slitta magica.Dopo un po 'entrarono nella Terra dei Dolci e Clara guardò in basso. Quello che vide fu sorprendente. C'erano alberi di zucchero filato, fiumi di milkshake e intere montagne fatte di torte!Atterrarono davanti a un magnifico castello. Clara poteva vedere muri pieni di biscotti e torrette di caramelle. Intorno al castello c'era un denso flusso di cioccolato fuso! "Wow!" Gridò Clara.

La fata Confetto

Un ponte levatoio di pan di zenzero si abbassò e fuori ballò una bellissima fata, vestita di viola e rosa."Questa è la fata Confetto", annunciò il principe. "Ti stava aspettando, Clara.» Che onore incontrarti ”, sorrise la Fata che condusse Clara e il principe nel castello. Dentro era incredibile. Frutta candita di tutti i colori brillava dalle finestre, mentre le pareti erano ricoperte di caramello dai colori caldi. "Devi essere affamata", disse la Fata. "Per favore prendi posto."Il principe tirò fuori una sedia imbottita di cioccolato per Clara e lei si sedette guardando tutti i meravigliosi dolci! Tutti i tipi di dolcetti erano sul tavolo e Clara mangiò fino a non poterne più.

Le danze…

"Ti piace ballare?" chiese la Fata Confetto a Clara mentre se ne stavano tutti seduti comodamente. "Mi piace?" rispose Clara. "Lo adoro!""Meraviglioso", sorrise la fata battendo le mani. All'improvviso la sala del castello si riempì di ballerini dall'aria esotica. La prima danza era quella delle nacchere al cioccolato spagnole.

Poi arrivò la danza del caffè dall'Arabia e Clara rimase ipnotizzata dai movimenti roteanti dei ballerini.

"Adesso qualcosa di veramente speciale!" annunciò la Fata Confetto.Bastoncini di zucchero a grandezza naturale saltarono sulla pista da ballo e iniziarono a picchiettare e ballare al ritmo della musica russa.

«Danza russa» (Atto secondo scena prima)

Era il miglior spettacolo che avesse mai visto: c'erano anche ballerine di pan di zenzero e suonatori di flauto dolce della Danimarca.

«Danza degli zufoli» (Atto secondo scena prima)

Clara apprezzò anche il romanticissimo Valzer dei fiori, in cui bellissime ballerine volteggiavano soavemente.

«Valzer dei fiori» (Atto secondo scena prima)

Per finire, anche la Fata Confetto scese in pista ed eseguì un'abbagliante danza solista, piena di colpi di scena e giri aggraziati.

«Danza della Fata Confetto» (scena seconda)

Si ritorna…

"È ora di andare", disse il Principe Schiaccianoci, mentre la Fata finiva di ballare.Era stata proprio una serata incredibile. Clara ringraziò la Fata Confetto per averla invitata a restare, la salutò e salì a bordo della slitta magica. Volò di nuovo sulla Terra dei Dolci e nella notte piena di neve.Clara si sentiva assonnata. Si rannicchiò vicino al principe e chiuse gli occhi. "Grazie per questa magica vigilia di Natale", disse.

Solo un sogno?

Quando Clara si svegliò, era sdraiata sul divano di casa sua. Si guardò le mani. Era di nuovo di taglia normale! Saltò giù e sbirciò sotto l'albero di Natale. C'erano dozzine di regali e lì, proprio dove l'aveva lasciato la sera prima, c'era il suo schiaccianoci. Lo prese in braccio e lo cullò tra le braccia. "Deve essere stato un sogno ..." sussurrò a se stessa.

Clara si avvicinò alla finestra per vedere la neve. Fece un passo su qualcosa di strano e guardò giù. Sparsi per tutto il pavimento c'erano pezzi di formaggio vecchio e frutta marcia. >“E 'strano”, disse perplessa. Poi notò un piccolo biglietto, appeso allo schiaccianoci:

Cara Clara,Spero che il Principe Schiaccianoci ti abbia salvato. Quei topi possono essere terribilmente cattivi.Buon Nataleamore,Zio

«Coda» (scena seconda)

«Valzer finale e apoteosi» (scena seconda)

Gli occhi di Clara si spalancarono. Facendo un forte respiro Clara pensò fra sé e sé: "Forse non era un sogno" e ansimò fissando il suo Principe Schiaccianoci.Clara ebbe la netta impressione che il Principe le avesse fatto l'occhiolino.

14 un racconto di Thomas Hernst Amadeus HoffmannMusiche composte nel 1891 da Cajcovskij per un balletto ispirato al racconto.I brani musicali sono di pubblico dominio e sono stati recuperati dal sito Liber Liber. (Ascoltale interamente).Il racconto è stato da me ridotto e riadattato. Grazie per l’attenzione.Il maestro Fabiowww.giochiecolori.it